Il dispositivo futuristico della ditta israeliana che mette la musica in testa, senza cuffie 1


La tecnologia 3-D “Sound beaming” di Noveto Systems traccia l’orecchio e invia l’audio utilizzando onde ultrasoniche, creando bolle d’ascolto personali

Illustrative image of Noveto Systems' SoundBeamer technology, which beams audio straight to your head, without the need for headphones. (Screenshot/Noveto Systems)

Immagine illustrativa della tecnologia SoundBeamer di Noveto Systems, che trasmette l’audio direttamente alla testa, senza bisogno di cuffie. (Screenshot/Noveto Systems)

LONDRA (AP) – Immaginate un mondo in cui vi muovete nella vostra personale bolla sonora. Ascoltate le vostre melodie preferite, giocate ad alto volume ai videogiochi, guardate un film o ricevete indicazioni per la navigazione in auto – il tutto senza disturbare chi vi sta intorno.

Questa è la possibilità presentata da “sound beaming”, una nuova tecnologia audio futuristica di Noveto Systems, un’azienda israeliana. Venerdì farà il suo debutto un dispositivo desktop che trasmette il suono direttamente ad un ascoltatore senza bisogno di cuffie.

L’azienda ha fornito alla Associated Press una demo esclusiva del prototipo desktop del suo SoundBeamer 1.0 prima del lancio di venerdì.

La sensazione di ascolto è appena uscita da un film di fantascienza. Il suono 3-D è così vicino che sembra di essere dentro le orecchie, ma anche davanti, sopra e dietro.

Noveto si aspetta che l’apparecchio abbia un sacco di usi pratici, dal permettere agli impiegati di ascoltare la musica o le teleconferenze senza interrompere i colleghi, al permettere a qualcuno di giocare a un gioco, un film o una musica senza disturbare gli altri.

La mancanza di cuffie permette di sentire chiaramente altri suoni nella stanza.

La tecnologia utilizza un modulo di rilevamento 3D e localizza e traccia la posizione dell’orecchio inviando l’audio tramite onde ultrasoniche per creare tasche sonore per le orecchie dell’utente. Il suono può essere ascoltato in stereo o in modalità 3D spaziale che crea un suono a 360 gradi intorno all’ascoltatore, ha detto l’azienda.

La demo include video naturalistici di cigni su un lago, api che ronzano e un ruscello gorgogliante, nei quali l’ascoltatore si sente completamente trasportato nella scena.

Questa immagine di prodotto rilasciata dalla Noveto Systems di Israele mostra il SoundBeamer che trasmette musica e suoni direttamente nella testa, senza bisogno di cuffie. (Noveto Systems via AP)

Ma anche l’amministratore delegato Christophe Ramstein trova difficile tradurre il concetto in parole. “Il cervello non capisce quello che non sa”, ha detto.

In una dimostrazione di Noveto condotta via Zoom da Tel Aviv, la Product Manager di SoundBeamer Ayana Wallwater non è stata in grado di sentire il suono degli spari durante una dimostrazione di gioco.

Questo è il punto. Ma si gode le reazioni delle persone che provano il software per la prima volta.

“La maggior parte delle persone dice semplicemente: ‘Wow, non ci credo proprio'”, ha detto.

“Non ci credi perché suona come un altoparlante, ma nessun altro può sentirlo… ti sostiene e sei in mezzo a tutto. Sta succedendo intorno a te”.

Cambiando un’impostazione, il suono può seguire un ascoltatore quando muove la testa. È anche possibile uscire dalla traiettoria del raggio e non sentire nulla, il che crea un’esperienza surreale.

“Non c’è bisogno di dire al dispositivo dove ti trovi. Non è in streaming in un luogo preciso”, ha detto Wallwater.

Ti segue ovunque tu vada”. Quindi è per te personalmente – ti segue, suona quello che vuoi nella tua testa”.

“Questo è ciò che sogniamo”, ha aggiunto. “Un mondo dove otteniamo il suono che vogliamo”. Non c’è bisogno di disturbare gli altri e gli altri non vengono disturbati dal tuo suono”. Ma puoi comunque interagire con loro”.

Dopo la sua prima esperienza di ascolto, Ramstein si è chiesto in cosa fosse diverso dagli altri dispositivi audio.

“Pensavo: ‘Sì, ma è lo stesso con le cuffie? No, perché ho la libertà ed è come se avessi la libertà di fare quello che voglio fare. E ho questi suoni nella mia testa come se ci fosse qualcosa che sta succedendo qui, il che è difficile da spiegare perché non abbiamo alcun riferimento per questo”.

Anche se il concetto di sound beaming non è nuovo, Noveto è stata la prima a lanciare la tecnologia e il loro dispositivo desktop SoundBeamer 1.0 sarà il primo prodotto per il consumo di massa.

Ramstein ha detto che una versione “più piccola e sexy” del prototipo sarà pronta per il rilascio per i consumatori in tempo per Natale 2021.

“Sai, stavo cercando di pensare a come possiamo paragonare il suono irraggiante con qualsiasi altra invenzione della storia. E credo che l’unica che mi è venuta in mente sia… la prima volta che ho provato l’iPod ho pensato: “Oh, mio Dio. Che cos’è? Penso che il suono irraggiante sia qualcosa di così sconvolgente. C’è qualcosa da dire a riguardo che prima non esisteva. C’è la libertà di usarlo. Ed è davvero incredibile”.

Articolo originale: https://www.timesofisrael.com/futuristic-device-from-israeli-firm-puts-music-in-your-head-without-headphones
Traduzione a cura di Mer Curio


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Il dispositivo futuristico della ditta israeliana che mette la musica in testa, senza cuffie

  • Pier

    Sinceramente pensavo lavorasse con le microonde ma era una falsa pista.
    Tramite il riconoscimento facciale, traccia la posizione delle orecchie e indirizza lì una trasmissione di ultrasuoni.
    Se il target fosse un altro punto all’interno del cranio?
    Qui c’è uno studio che si propone di dimostrare come la trasmissione di ultrasuoni all’interno del cervello influenzi e modifichi i circuiti corticali.

    https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1935861X14003064

    Qui un paio di articoli sull’uso di ultrasuoni per interrompere temporaneamente la funzione della barriera ematoencefalica allo scopo ad esempio di permettere il passaggio di particolari sostanze.

    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2459318/

    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2518085/

    Qui uno studio sull’applicazione di ultrasuoni direzionali nel cervello di coniglio in vivo dove hanno potuto osservare i simpatici effetti della cavitazione sui tessuti:

    https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/030156299500038S

    Tanto per fare alcuni esempi

    Sulla ghiandola pineale non mi sbilancio anche se Malanga faceva ipotesi molto interessanti nella conferenza sulla piramide di Kufu.
    Non mi sembra improbabile che la risonanza di certe frequenze possa indurre la secrezione di determinate sostanze come la DMT o inibire determinate funzioni.

    Grazie a Mer Curio per la traduzione.