FAQ TRANSUMANISTA PT.1


Parte 1: Che cos’è il transumanesimo?

Traduzione dal sito https://whatistranshumanism.org/ a cura di Mer Curio

Che cos’è il Transumanesimo?

Il transumanesimo è un modo di pensare al futuro che si basa sulla premessa che la specie umana nella sua forma attuale non rappresenta la fine del nostro sviluppo, ma piuttosto una fase relativamente precoce.

Il transumanesimo è un movimento vagamente definito che si è sviluppato gradualmente negli ultimi due decenni.

Il transumanesimo è una classe di filosofie di vita che cercano la continuazione e l’accelerazione dell’evoluzione della vita intelligente al di là della sua forma attualmente umana e dei suoi limiti attraverso la scienza e la tecnologia, guidati da principi e valori che promuovono la vita.
 — Max More (1990)

Humanity+ la definisce formalmente sulla base della definizione originale di Max More come segue:

⦁ Il movimento intellettuale e culturale che afferma la possibilità e l’opportunità di migliorare fondamentalmente la condizione umana attraverso la ragione applicata, in particolare sviluppando e rendendo ampiamente disponibili tecnologie per eliminare l’invecchiamento e migliorare notevolmente le capacità intellettuali, fisiche e psicologiche dell’uomo.
 ⦁ Lo studio delle ramificazioni, delle promesse e dei potenziali pericoli delle tecnologie che ci permetteranno di superare i limiti umani fondamentali e il relativo studio delle questioni etiche legate allo sviluppo e all’uso di tali tecnologie.

Il transumanesimo può essere visto come un’estensione dell’umanesimo, da cui deriva in parte. Gli umanisti credono che gli esseri umani siano importanti, che gli individui siano importanti. Potremmo non essere perfetti, ma possiamo migliorare le cose promuovendo il pensiero razionale, la libertà, la tolleranza, la democrazia e la preoccupazione per i nostri simili. I transumanisti sono d’accordo con questo, ma sottolineano anche ciò che abbiamo il potenziale per diventare. Così come usiamo mezzi razionali per migliorare la condizione umana e il mondo esterno, possiamo anche usare tali mezzi per migliorare noi stessi, l’organismo umano. Così facendo, non ci limitiamo ai metodi umanistici tradizionali, come l’educazione e lo sviluppo culturale. Possiamo anche usare mezzi tecnologici che alla fine ci permetteranno di andare oltre ciò che qualcuno potrebbe pensare come “umano”.

Informazioni sulle FAQ transumaniste

La Transhumanist FAQ è stata sviluppata nel 1998 ed è diventata una FAQ formale nel 1999 grazie al lavoro di ispirazione dei transumanisti, tra cui Alexander Chislenko, Max More, Anders Sandberg, Natasha Vita-More, James Hughes e Nick Bostrom. Diverse persone hanno contribuito alla definizione del transumanesimo, che ha avuto origine da Max More. Greg Burch, David Pearce, Kathryn Aegis e Anders Sandberg hanno gentilmente offerto ampi commenti editoriali. La presentazione nella sezione crionica è stata, ed è tuttora, direttamente ispirata da un articolo di Ralph Merkle. Idee, critiche, domande, e frasi alla versione originale sono state fornite da (in ordine alfabetico): Kathryn Aegis, Alex (intech@intsar.com), Brent Allsop, Brian Atkins, Scott Badger, Doug Bailey, Harmony Baldwin, Damien Broderick, Greg Burch, David Cary, John K Clark, Dan Clemensen, Damon Davis, Jeff Dee, Jean-Michel Delhotel, Dylan Evans, EvMick@aol.com, Daniel Fabulich, Frank Forman, Robin Hanson, Andrew Hennessey, Tony Hollick, Joe Jenkins, William John, Michelle Jones, Arjen Kamphius, Henri Kluytmans, Eugene Leitl, Michael Lorrey, mark@unicorn.com, Peter C. McCluskey, Erik Moeller, J. R. Molloy, Max More, Bryan Moss, Harvey Newstrom, Michael Nielsen, John S. Novak III, Dalibor van den Otter, David Pearce, pilgrim@cyberdude.com, Thom Quinn, Anders Sandberg, Wesley R. Schwein, Shakehip@aol.com, Allen Smith, Geoff Smith, Randy Smith, Dennis Stevens, Derek Strong, Remi Sussan, Natasha Vita-More, Michael Wiik, Eliezer Yudkowsky, e zebo@pro-ns.net.

Nel corso degli anni, questa FAQ è stata aggiornata per fornire un resoconto sostanziale del transumanesimo. L’Extropy Institute (ExI) è stato una fonte di informazioni per la prima versione delle FAQ transumaniste, la versione 1.0 degli anni Novanta. La WTA ha adottato la FAQ nel 2001 e Nick Bostrom e James Hughes hanno continuato a lavorarci, con il contributo di quasi cento persone dell’ExI e della WTA, tra cui Aleph e Transcedo e l’Associazione transumanista britannica. È stato aggiunto nuovo materiale e molte vecchie sezioni sono state sostanzialmente rielaborate. Nella preparazione della versione 2.0, le seguenti persone sono state particolarmente utili: Eliezer Yudkowsky, che ha fornito assistenza editoriale con commenti su particolari questioni di sostanza; Dale Carrico che ha revisionato la prima metà del testo; e Michael LaTorra che ha fatto lo stesso per la seconda metà; e “Reason” che ha poi ripassato l’intero documento, così come Frank Forman, e Sarah Banks Forman. Sono stati forniti anche utili commenti di sostanza o di forma (in ordine alfabetico): Michael Anissimov, Samantha Atkins, Milan Cirkovic, José Luis Cordeiro, George Dvorsky, James Hughes, G.E. Jordan, Vasso Kambourelli, Michael LaTorra, Eugen Leitl, Juan Meridalva, Harvey Newstrom, Emlyn O’Reagan, Christine Peterson, Giulio Prisco, Reason, Rafal Smigrodzki, Simon Smith, Mike Treder e Mark Walker. Molti altri hanno offerto negli anni domande o riflessioni che hanno in qualche modo contribuito a dare forma a questo documento, e anche se non è possibile nominarvi tutti, i vostri contributi sono molto apprezzati.

La FAQ 3.0 dei transumanisti, riveduta grazie agli sforzi continui di molti transumanisti, continuerà ad essere aggiornata e modificata man mano che svilupperemo nuove conoscenze e modi migliori di contabilizzare le vecchie conoscenze che riguardano direttamente e indirettamente il transumanesimo. Il nostro obiettivo è quello di fornire una fonte affidabile di informazioni sul transumanesimo.

Grazie a tutti coloro che hanno contribuito in passato e a coloro che offrono nuovi spunti a queste FAQ!

FAQ transumanista

– versione 3.0

Parte 1: Generale

Che cos’è il transumanesimo?
 Cos’è un postumano?
 Cos’è un transumano?

Praticità

Quali sono le ragioni per aspettarsi tutti questi cambiamenti?
 Non ci vorranno migliaia o milioni di anni per questi sviluppi?
 Come posso usare il transumanesimo nella mia vita?
 E se non funziona?
 Come potrei diventare un postumano?
 Non sarà noioso vivere per sempre in un mondo perfetto?
 Come posso partecipare e contribuire?

Parte 2: Società e politica

Le nuove tecnologie andranno a beneficio solo dei ricchi e dei potenti?
 I transumanisti sostengono l’eugenetica?
 Queste tecnologie del futuro non sono molto rischiose? Potrebbero anche causare la nostra estinzione?
 Se queste tecnologie sono così pericolose, devono essere vietate?
 Non dovremmo concentrarci sui problemi attuali?
 L’allungamento della vita peggiorerà i problemi di sovrappopolazione?
 C’è uno standard etico…
 In che tipo di società vivrebbero i postumani?
 I postumani o le macchine superintelligenti rappresenteranno una minaccia per gli esseri umani che non sono “aumentati”?

Tecnologie e proiezioni

Biotecnologia, ingegneria genetica, cellule staminali e clonazione
 Cos’è la nanotecnologia molecolare?
 Cos’è il superintelligence?
 Cos’è la realtà virtuale?
 Cos’è la crionica?
 La probabilità di successo non è troppo bassa?
 Cosa significa “caricare”?
 Qual è la singolarità?

Transumanesimo e natura

Perché i transumanisti vogliono vivere più a lungo?
 Non è una manomissione della natura?
 Le tecnologie transumane ci renderanno inumani?
 La morte non fa parte dell’ordine naturale delle cose?
 Le tecnologie transumaniste sono ecologiche?

Il transumanesimo come punto di vista filosofico e culturale

Quali sono gli antecedenti filosofici e culturali del transumanesimo?
 Quali correnti ci sono all’interno del transumanesimo?
 Che rapporto ha il transumanesimo con la religione?
 Cose come l’upload, la crionica e l’IA non falliscono…
 Che tipo di arte transumanista esiste?

Le FAQ transumaniste sono state concepite come un tentativo di sviluppare un’ampia articolazione consensuale delle basi del transumanesimo responsabile. L’obiettivo era un testo che potesse servire sia come guida per i nuovi arrivati sia come lavoro di riferimento per i partecipanti più esperti.

Generale

Che cos’è il transumanesimo?

Vedi l’introduzione.

Cos’è un postumano?

A volte è utile parlare di possibili esseri futuri le cui capacità di base superano così radicalmente quelle degli esseri umani attuali da non essere più inequivocabilmente umani secondo i nostri standard attuali. La parola standard per tali esseri è “postumano”. (Bisogna fare attenzione ad evitare interpretazioni errate. “Posthuman” non indica qualsiasi cosa che venga dopo l’era umana, né ha nulla a che fare con il “postumano”. In particolare, non implica che non ci siano più esseri umani).

Molti transumanisti desiderano seguire percorsi di vita che, prima o poi, richiederebbero di diventare persone postumane: anelano a raggiungere livelli intellettuali superiori a qualsiasi genio umano attuale, così come gli esseri umani sono superiori agli altri primati; essere resistenti alle malattie e insensibili all’invecchiamento; avere una giovinezza e un vigore illimitati; esercitare un controllo sui propri desideri, umori e stati mentali; essere in grado di evitare di sentirsi stanchi, odiosi o irritati per le cose insignificanti; avere una maggiore capacità di piacere, amore, apprezzamento artistico e serenità; sperimentare nuovi stati di coscienza a cui i cervelli umani attuali non possono accedere. Sembra probabile che il semplice fatto di vivere una vita indefinitamente lunga, sana e attiva porterebbe chiunque all’età post-umana se continuasse ad accumulare ricordi, abilità e intelligenza.

I postumani potrebbero essere intelligenze artificiali completamente sintetiche, o potrebbero essere potenziati (vedi “Che cos’è il caricamento?”), o potrebbero essere il risultato di molti piccoli ma cumulativamente profondi ampliamenti di un umano biologico. Quest’ultima alternativa richiederebbe probabilmente la riprogettazione dell’organismo umano mediante l’uso di nanotecnologie avanzate o il loro radicale potenziamento utilizzando una qualche combinazione di tecnologie come l’ingegneria genetica, la psicofarmacologia, le terapie anti-invecchiamento, le interfacce neurali, gli strumenti avanzati di gestione dell’informazione, i farmaci che potenziano la memoria, i computer indossabili e le tecniche cognitive.

Alcuni autori scrivono come se, semplicemente cambiando la nostra concezione di noi stessi, fossimo diventati o potessimo diventare postumani. Questa è una confusione o una corruzione del significato originale del termine. I cambiamenti necessari per renderci postumani sono troppo profondi per essere realizzabili semplicemente alterando qualche aspetto della teoria psicologica o il modo in cui pensiamo a noi stessi. Sono necessarie radicali modifiche tecnologiche al nostro cervello e al nostro corpo.

È difficile per noi immaginare cosa significhi essere una persona postumana. I postumani possono avere esperienze e preoccupazioni che non riusciamo a comprendere, pensieri che non possono entrare nei tre chili di tessuto neurale che usiamo per pensare. Alcuni postumani possono trovare vantaggioso abbandonare completamente il proprio corpo e vivere come modelli di informazione su vaste reti di computer superveloci. Le loro menti possono non solo essere più potenti delle nostre, ma possono anche utilizzare diverse architetture cognitive o includere nuove modalità sensoriali che consentono una maggiore partecipazione nei loro ambienti di realtà virtuale. Le menti post-umane potrebbero essere in grado di condividere direttamente ricordi ed esperienze, aumentando notevolmente l’efficienza, la qualità e le modalità con cui i postumi possono comunicare tra loro. I confini tra le menti postumane potrebbero non essere così netti come quelli tra gli esseri umani.

I postumani potrebbero plasmare se stessi e il loro ambiente in così tanti modi nuovi e profondi che le speculazioni sulle caratteristiche dettagliate dei postumani e del mondo postumo rischiano di fallire.

Cos’è un transumano?

Nel suo uso contemporaneo, “transumano” si riferisce a una forma intermedia tra l’umano e il postumano (vedi “Cos’è un postumano?”). Ci si potrebbe chiedere, dato che il nostro uso attuale, ad esempio, della medicina e dell’informatica ci permette di fare abitualmente molte cose che avrebbero stupito gli esseri umani che vivevano nell’antichità, se non siamo già transumani. La domanda è provocatoria, ma in definitiva non molto significativa; il concetto di transumano è troppo vago perché ci sia una risposta definitiva.

Un transumanista è semplicemente qualcuno che sostiene il transumanesimo (vedi “Cos’è il transumanesimo?”). È un errore comune per i giornalisti e gli altri scrittori dire che i transumanisti “affermano di essere transumani” o “si definiscono transumani”. Adottare una filosofia che dice che un giorno tutti dovrebbero avere la possibilità di crescere oltre i limiti umani attuali non significa chiaramente dire che si è migliori o in qualche modo attualmente “più avanzati” dei propri simili.

L’etimologia del termine “transumano” risale al futurista FM-2030 (noto anche come F. M. Estfandiary), che lo introdusse come stenografia per “umano di transizione”. Chiamando i transumani la “prima manifestazione di nuovi esseri evolutivi”, FM sosteneva che i segni della transumanità includevano protesi, chirurgia plastica, uso intensivo delle telecomunicazioni, una visione cosmopolita e uno stile di vita globetrotteristico, androginia, riproduzione mediata (come la fecondazione in vitro), assenza di credenze religiose, e un rifiuto dei valori familiari tradizionali. Tuttavia, la diagnostica della FM è di dubbia validità. Non è chiaro perché chiunque abbia avuto parti del corpo migliorate o uno stile di vita nomade sia più vicino a diventare postumano di tutti noi; né, naturalmente, tali persone sono necessariamente più ammirevoli o moralmente lodevoli di altre. In effetti, è perfettamente possibile essere un transumano — o, per quel che conta, un transumanista — e abbracciare ancora la maggior parte dei valori tradizionali e dei principi di condotta personale.

Riferimenti:

⦁ FM-2030, Sei un transumano? (New York: Warner Books, 1989)

__________________________________________________________________

Praticità

Quali sono le ragioni per aspettarsi tutti questi cambiamenti?

Date un’occhiata in giro. Confronta quello che vedi con quello che avresti visto solo cinquant’anni fa. Non è una congettura particolarmente audace che i prossimi 50 anni vedranno almeno altrettanti cambiamenti e che lo stato della tecnologia a metà del 21° secolo sarà piuttosto meraviglioso per gli standard attuali. La proiezione conservatrice, che presuppone solo che il progresso continui nello stesso modo graduale che ha avuto a partire dal XVII secolo, implicherebbe che dovremmo aspettarci di assistere a sviluppi drammatici nei prossimi decenni.

Questa aspettativa è rafforzata se si considera che molte aree cruciali sembrano in attesa di scoperte critiche. Il World-Wide Web sta cominciando a collegare le persone del mondo, aggiungendo un nuovo livello globale alla società umana dove l’informazione è suprema. Il Progetto Genoma Umano è stato completato, e lo studio dei ruoli funzionali dei nostri geni (genomica funzionale) sta procedendo rapidamente. Si stanno sviluppando tecniche per utilizzare queste informazioni genetiche per modificare gli organismi adulti o la linea germinale. Le prestazioni dei computer raddoppiano ogni 18 mesi e si avvicineranno alla potenza di calcolo di un cervello umano nel prossimo futuro. Le aziende farmaceutiche stanno perfezionando i farmaci che ci permetteranno di regolare l’umore e gli aspetti della personalità con pochi effetti collaterali. Molti obiettivi transumanisti possono essere perseguiti con le tecnologie attuali. Ci possono essere molti dubbi che, a meno di un cataclisma distruttore di civiltà, il progresso tecnologico ci darà opzioni molto più radicali in futuro? (Vedi anche “Non ci vorranno migliaia o milioni di anni per questi sviluppi?)

La produzione molecolare ha il potenziale per trasformare la condizione umana. È una tecnologia fattibile? Eric Drexler e altri hanno mostrato in dettaglio come la nanotecnologia in fase meccanica sia coerente con le leggi fisiche e hanno delineato diversi percorsi attraverso i quali potrebbe essere sviluppata (vedi “Cos’è la nanotecnologia molecolare?”). La produzione molecolare potrebbe sembrare incredibile, forse perché le eventuali conseguenze sembrano troppo travolgenti, ma gli esperti di nanotecnologie sottolineano che attualmente non esiste una critica tecnica pubblicata delle argomentazioni di Drexler. A più di dieci anni dalla pubblicazione di Nanosystems, nessuno è stato ancora in grado di indicare un errore significativo nei calcoli. Nel frattempo, gli investimenti nello sviluppo delle nanotecnologie, già miliardi di dollari all’anno in tutto il mondo, crescono ogni anno, e almeno gli aspetti meno visionari delle nanotecnologie sono già diventati mainstream.

Ci sono molti metodi e tecnologie indipendenti che possono permettere all’uomo di diventare postumo. C’è incertezza su quali tecnologie saranno perfezionate per prime, e noi abbiamo la possibilità di scegliere quali metodi usare. Ma se la civiltà continua a prosperare, sembra quasi inevitabile che gli esseri umani prima o poi avranno la possibilità di diventare persone postumane. E, a meno che non venga impedito con la forza, molti sceglieranno di esplorare questa possibilità.

Riferimenti:
 ⦁ K. Eric Drexler, Nanosystems: Macchinari molecolari, produzione e calcolo, (New York: John Wiley & Sons, 1992)

Non ci vorranno migliaia o milioni di anni per questi sviluppi?

Spesso è molto difficile prevedere quanto tempo ci vorrà per un certo sviluppo tecnologico. L’atterraggio sulla luna è avvenuto prima del previsto, ma l’energia di fusione ci sfugge ancora dopo mezzo secolo di attesa. La difficoltà nel prevedere i tempi risiede in parte nella possibilità di ostacoli tecnici inaspettati e in parte nel fatto che il tasso di progresso dipende dai livelli di finanziamento, che a loro volta dipendono da fattori economici e politici difficili da prevedere. Pertanto, mentre in molti casi si possono dare buoni motivi per pensare che alla fine una tecnologia verrà sviluppata, di solito si può solo fare delle congetture informate su quanto tempo ci vorrà.

La stragrande maggioranza dei transumanisti pensa che lasuperintelligence e la nanotecnologia si svilupperanno entrambi in meno di cento anni, e molti prevedono che si svilupperanno bene entro il primo terzo di questo secolo. (Alcune delle ragioni per sostenere queste opinioni sono delineate nelle sezioni relative a queste due tecnologie). Una volta che ci sarà sia la nanotecnologia che lasuperintelligence, una gamma molto ampia di applicazioni speciali seguirà rapidamente.

Sarebbe possibile fare un lungo elenco di esempi in cui le persone in passato hanno solennemente dichiarato che qualcosa era tecnologicamente assolutamente impossibile:

I segreti del volo non saranno padroneggiati nell’arco della nostra vita — non entro un migliaio di anni. — Wilbur Wright (1901)

o socialmente irrilevante:

Non c’è motivo per cui qualcuno vorrebbe un computer in casa propria.
 — Ken Olsen, Presidente, Presidente e fondatore di Digital Equipment Corporation (1977)

– solo per vederlo accadere qualche anno dopo. Tuttavia, si potrebbe fornire un elenco altrettanto lungo di casi di scoperte previste che non si sono verificate. La questione non può essere risolta elencando i parallelismi storici.

Una strategia migliore è quella di guardare direttamente a ciò che un’attenta analisi dei vincoli fisici sottostanti e dei vincoli ingegneristici potrebbe rivelare. Nel caso delle tecnologie future più cruciali — superintelligenza e produzione molecolare — tali analisi sono state fatte. Molti esperti ritengono che queste saranno probabilmente raggiunte entro i primi decenni del 21° secolo. Altri esperti pensano che ci vorrà molto più tempo. Sembra esserci più disaccordo sulla fattibilità e sui tempi del superintelligence che sulle nanotecnologie.

Un altro modo per farsi un’idea di dove siamo diretti è guardare alle tendenze. Almeno dalla fine del XIX secolo, la scienza e la tecnologia, misurate da un’ampia gamma di indicatori, sono raddoppiate circa ogni 15 anni (Prezzo 1986). Estrapolando questo tasso esponenziale di progresso, ci si aspetta di vedere cambiamenti drammatici in un futuro relativamente prossimo. Ciò richiederebbe una brusca inversione delle tendenze attuali, una decelerazione inaspettata, affinché i cambiamenti che molti transumanisti prevedono non si verifichino nel XXI secolo.

Riferimenti:
 
⦁ The Foresight Institute, ⦁ “Erroneous Predictions and Negative Comments Concerning Scientific and Technological Developments” (2002)
 ⦁ Derek J. de Solla Price, Little Science, Big Science …and Beyond (New York: Columbia University Press, 1986)

Come posso usare il transumanesimo nella mia vita?

Mentre è noto che il transumanesimo si è incrociato con i programmi accademici, le filosofie etiche, le cause politiche e i movimenti artistici, il transumanesimo non è uno stile di vita, una religione o una guida di auto-aiuto. Il transumanesimo non può dirti che tipo di musica ascoltare, quali hobby perseguire, chi sposare o come vivere la tua vita, più di quanto, ad esempio, essere membro di Amnesty International o studiare biologia molecolare possa dirti queste cose.

A seconda della vostra situazione e delle vostre esigenze, potreste trovare utili o meno alcune delle opzioni di modifica o miglioramento umano attualmente disponibili. Alcune di queste sono comuni — esercizio fisico, dieta sana, tecniche di rilassamento, gestione del tempo, abilità di studio, tecnologia dell’informazione, caffè o tè (come stimolanti), educazione e integratori alimentari (come vitamine, minerali, acidi grassi o ormoni). Altri che non avreste mai pensato, come ad esempio ottenere un contratto di sospensione crionica (vedi “Cos’è la crionica? La probabilità di successo non è troppo bassa?”), o masticare gomme alla nicotina per i suoi effetti nootropici. Altri ancora — per esempio i farmaci farmacologici per l’umore o gli interventi chirurgici per il cambio di sesso — sono adatti solo a persone che hanno difficoltà o necessità particolari.

Se volete saperne di più su argomenti transumanisti, incontrare persone che la pensano come voi e partecipare in qualche modo allo sforzo transumanista, vedete “Come posso partecipare e contribuire?

E se non funziona?

Il successo nell’impresa transumanista non è una questione di tutto o niente. Non c’è un “esso” su cui tutto dipende. Al contrario, ci sono molti processi incrementali in gioco, che possono funzionare meglio o peggio, più velocemente o più lentamente. Anche se non possiamo curare tutte le malattie, ne cureremo molte. Anche se non otteniamo l’immortalità, possiamo avere una vita più sana. Anche se non riusciamo a congelare interi corpi e a rianimarli, possiamo imparare a conservare gli organi per i trapianti. Anche se non risolviamo la fame nel mondo, possiamo nutrire molte persone. Con molte tecnologie potenzialmente trasformative già disponibili e altre in cantiere, è chiaro che ci sarà un ampio margine per l’incremento umano. Le tecnologie transumane più potenti, come la nanotecnologia in fase di macchina e la superintelligenza, possono essere raggiunte attraverso diversi percorsi indipendenti. Se dovessimo trovare una via da bloccare, possiamo provarne un’altra. La molteplicità dei percorsi aumenta la probabilità che il nostro viaggio non si fermi prematuramente.

Ci sono modi per fallire completamente, cioè se soccomberemo ad un disastro esistenziale (vedi “Non sono molto rischiose queste tecnologie del futuro? Potrebbero anche causare la nostra estinzione?”. Gli sforzi per ridurre i rischi esistenziali sono quindi una priorità assoluta.

Come potrei diventare un postumano?

Attualmente, non c’è modo che un essere umano possa diventare un postumano. Questa è la ragione principale del forte interesse per l’estensione della vita e la crionica tra i transumanisti. Chi di noi vive abbastanza a lungo da essere testimone delle tecnologie attualmente prevedibili può avere la possibilità di diventare postumano. Anche se non ci sono garanzie di successo, ci sono alcune cose che possono essere fatte a livello individuale che miglioreranno un po’ le probabilità:

⦁ Vivere in modo sano ed evitare rischi inutili (dieta, esercizio fisico, ecc.);
 ⦁ Iscriversi alla crionica;
 ⦁ Tenersi aggiornati sulle ricerche in corso e risparmiare un po’ di soldi in modo da potersi permettere futuri trattamenti di prolungamento della vita quando saranno disponibili;
 ⦁ Sostenere lo sviluppo delle tecnologie transumane attraverso donazioni, sostegno, investimenti o la scelta di una carriera sul campo; lavorare per rendere l’accesso più universale e per rendere il mondo più sicuro dai rischi esistenziali (vedi ⦁ “Non sono molto rischiose queste tecnologie del futuro? Potrebbero anche causare la nostra estinzione?”);
 ⦁ Unirsi ad altri per aiutare a promuovere il transumanesimo.

Nel frattempo, possiamo godere e sfruttare al meglio le opportunità che esistono oggi per vivere una vita degna e significativa. Se confrontiamo la nostra sorte attuale con quella dei nostri antenati storici, la maggior parte (almeno quelli di noi che non vivono nei paesi meno sviluppati) scopriranno che le circostanze materiali per la fioritura umana sono le migliori che siano mai state. Inoltre, possediamo un’accumulazione senza precedenti di tesori culturali e intellettuali, grazie ai quali possiamo arricchire le nostre esperienze e ampliare i nostri orizzonti.

Non sarà noioso vivere per sempre in un mondo perfetto?

Perché non provare e vedere?
 “Perfezione” è una parola vaga e infida. C’è un notevole disaccordo tra i transumanisti su quale tipo di perfezione sia raggiungibile e desiderabile, sia in teoria che in pratica. Probabilmente è più saggio parlare di migliorare il mondo, piuttosto che di renderlo “perfetto”. Sarebbe noioso vivere per un tempo indefinitamente lungo in un mondo notevolmente migliorato? Il mondo potrebbe sicuramente essere migliorato rispetto a com’è ora, anche diventando meno noioso. Se ci si liberasse del dolore e dello stress associato, ad esempio, alla compilazione delle dichiarazioni dei redditi annuali, la gente probabilmente non se ne starebbe seduta a dire: “La vita sembra priva di senso ora che non ho più moduli per l’imposta sul reddito da compilare”.

Certo, i miglioramenti materiali dell’ambiente possono non essere di per sé sufficienti a portare una felicità duratura. Se il vostro pasto abituale è pane e acqua, allora una scatola di biscotti può essere una festa. Ma se ogni sera mangiate ogni sera in ristoranti di lusso, una tariffa così buona vi sembrerà presto ordinaria e normale; e qualsiasi festa minore, come una scatola di biscotti, sarebbe al confronto un insulto. Alcuni scienziati cognitivi ipotizzano che ognuno di noi abbia un “punto fisso” di felicità, al quale torniamo presto a prescindere dai cambiamenti dell’ambiente. Ci può essere una notevole verità nella saggezza popolare che una macchina nuova e costosa non ti rende più felice (o meglio, ti rende più felice, ma solo temporaneamente). Per certi versi, le menti e i cervelli umani non sono progettati per essere felici. Fortunatamente, ci sono diversi punti di vista potenziali da cui partire per affrontare questa sfida.

Le scimmie si impegnano in attività che noi, come esseri umani, troveremmo ripetitive e noiose. Diventando più intelligenti, ci siamo annoiati di cose che avrebbero interessato i nostri antenati. Ma allo stesso tempo abbiamo aperto un vasto nuovo spazio di possibilità per divertirci — e il nuovo spazio è molto più grande del precedente. Gli esseri umani non sono semplicemente scimmie che possono ottenere più banane usando la nostra intelligenza come strumento. La nostra intelligenza ci permette di desiderare cose nuove, come l’arte, la scienza e la matematica. Se in un qualsiasi momento della vostra vita indefinitamente lunga vi annoiate con il mondo notevolmente migliorato, può solo indicare che è giunto il momento di aumentare la vostra intelligenza di un altro incremento.

Se il cervello umano ha un “set point” di felicità a cui ritorna, forse questo è un difetto di progettazione e dovrebbe essere corretto — una di quelle cose che finiremo per definire umane, ma non umane. Probabilmente non sarebbe saggio eliminare del tutto la noia, perché la noia può servire a evitare di perdere troppo tempo in attività monotone e senza senso. Ma se stiamo facendo cose nuove, imparando, diventando più intelligenti, e non siamo ancora contenti, per nessun motivo migliore del fatto che la nostra architettura cognitiva è progettata male, allora forse è il momento di riprogettarla. Gli attuali farmaci clinici per l’umore sono rozzi, ma a volte possono comunque ripristinare l’interesse e l’entusiasmo per la vita — a volte la stanchezza e la disperazione non hanno una ragione interessante alle spalle ed è semplicemente uno squilibrio della chimica cerebrale. Solo compartimentalizzando il nostro pensiero ad un livello elevato possiamo immaginare un mondo in cui ci sia una nanotecnologia molecolare matura e un’intelligenza artificiale sovrumana, ma mancano ancora i mezzi per controllare i circuiti cerebrali della noia. Fondamentalmente, non c’è ragione per cui il piacere, l’eccitazione, il benessere profondo e la semplice gioia di essere vivi non possano diventare lo stato d’animo naturale e predefinito per tutti coloro che lo desiderano.

Ed Regis (1990, p. 97) suggerisce di considerare anche i seguenti punti:
 ⦁ La vita ordinaria a volte è noiosa. E allora?
 ⦁ La vita eterna sarà tanto noiosa o eccitante quanto la renderà.
 ⦁ È più eccitante essere morti?
 ⦁ Se la vita eterna diventa noiosa, avrete la possibilità di porvi fine in qualsiasi momento.

Il transumanesimo non riguarda un’auto più fantasiosa, più soldi, o gadget intelligenti, anche se questo è ciò che i media ci presentano come “scienza” e “tecnologia avanzata”; il transumanesimo riguarda autentici cambiamenti della condizione umana, compreso l’aumento dell’intelligenza e delle menti più adatte al raggiungimento della felicità.

Riferimenti:
 ⦁ David Pearce, ⦁ L’imperativo edonistico (2003)
 ⦁ Ed Regis, Great Mambo Chicken and the Transhuman Condition (New York: Penguin Books, 1990)

Come posso partecipare e contribuire?

Puoi unirti all’Humanity+. L’Humanity+ è un’organizzazione associativa democratica e senza scopo di lucro che lavora per promuovere la discussione sulle possibilità di miglioramento radicale delle capacità umane attraverso la tecnologia, nonché sulle questioni etiche e sui rischi legati agli sviluppi tecnologici. È stata fondata nel 1998 come organizzazione ombrello per pubblicizzare le idee transumaniste e per cercare l’accettazione accademica del transumanesimo come movimento filosofico e culturale. Humanity+ organizza conferenze, pubblica H+ Magazine, (ha pubblicato una rivista accademica), rilascia comunicati stampa e coordina i capitoli dei campus studenteschi e i gruppi transumanisti locali in tutto il mondo. Per conoscere i progetti in corso e i prossimi eventi e per diventare membro, visita il sito web di Humanity+.

L’umanità+ è cresciuta fin dalla sua nascita e soprattutto rapidamente negli ultimi due anni, ma il compito che ci attende è al tempo stesso epocale e montuoso. Il vostro aiuto è necessario. Ci sono molti modi per contribuire: organizzare o partecipare a un gruppo di discussione locale, scrivere articoli o lettere all’editore, dare un contributo finanziario, diffondere la parola ad amici e conoscenti, offrire le proprie competenze, tradurre documenti chiave in altre lingue, collegarsi a Humanity+ dal proprio sito web, partecipare a conferenze e condividere le proprie idee, indirizzare la propria ricerca o attività creativa verso temi transumanisti, per citarne solo alcuni.

Se volete studiare le idee transumaniste in modo più dettagliato, potete trovare sul sito web alcuni sillabi e liste di lettura per iniziare. Se volete scambiare idee con altri, o semplicemente ascoltare le conversazioni in corso, potreste voler entrare a far parte di una delle mailing list e dei newsgroup gestiti da Humanity+.

Le prossime transizioni tecnologiche potrebbero essere la sfida più importante che l’umanità dovrà mai affrontare. L’intero futuro della vita intelligente sulla Terra può dipendere da come la gestiamo. Se facciamo le cose giuste, ci attende un meraviglioso futuro postumo con infinite opportunità di crescita e di fioritura. Se lo gestiamo male, la vita intelligente potrebbe estinguersi. Non volete partecipare e cercare di fare la differenza in meglio?

Riferimenti:
 Humanity+ (Da questo sito si possono trovare anche link a gruppi locali e organizzazioni affiliate).

CONTINUA — — — — — — — —

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *