Polvere radioattiva proveniente dal Sahara sta travolgendo alcune parti dell’Europa.


Sembrerebbe che si stia svolgendo un allarmante disastro sanitario e, da com’è stato ampiamente segnalato questa settimana, una polvere radioattiva sta travolgendo il deserto Algerino fino ad arrivare alla regione del Sahara attraverso il Mediterraneo. Diversi scienziati dicono che questa minacciosa polvere radioattiva Sahariana sta causando un picco di inquinamento persino nelle zone dell’Europa del Sud.

L’Associazione per il Controllo della Radioattività nell’Ovest (Acro), ha riferito che gli scienziati hanno osservato come questo fenomeno sia in corso già da febbraio, quando hanno notato che tale polvere veniva rilevata in alcune aree della Francia. Dei campioni confermano che nella polvere esaminata sono state trovate alcune particelle radioattive, sollevate da una forte tempesta che di recente ha travolto il Marocco, creando a sua volta enormi nuvole polverose che hanno raccolto il materiale radioattivo rilasciato da test nucleari condotti in passato dalla Francia sull’Algeria, ai tempi loro possesso coloniale, nei primi anni ’60.

Mentre alcuni scienziati sostengono che non ciò non comporti del pericolo, altri invece avvertono che i residui del cesio 137 – un isotopo radioattivo – può richiedere delle precauzioni, come il restare chiusi in casa.

L’organizzazione non governativa francese, che monitora l’Europa per controllare i segni della contaminazione nucleare, questa settimana ha fatto sì che l’Euronews riportasse la seguente frase: “L’Acro ha detto di aver eseguito dei test sulla recente polvere Sahariana che è stata prelevata nell’area del Giura, vicino al confine francese con la Svizzera.”

“Considerando i depositi omogenei in un’ampia area, basati su questo risultato analitico, l’Acro stima che sono stati trovati 80,000 becquerel/km quadrato di cesio 137”, ha dichiarato l’organizzazione.

Ha inoltre aggiunto che “Questa contaminazione radioattiva, che arriva da molto lontano, 60 anni dopo le esplosioni nucleari, ci ricorda della perenne contaminazione radioattiva presente nel Sahara, della quale è responsabile la Francia.”

Mentre gli effetti sulla salute dovuti all’esposizione possono essere a breve termine trascurabili, si mette in dubbio che molti Europei possano sentirsi a loro agio con una tale nuvola di particelle così minacciosa che si trova in bilico sul continente.

E non è tutto, sembra che forse arriveranno molti altri depositi di polvere radioattiva:

Una nuvola piuttosto densa sta attraversando il Mediterraneo, coprendo parti della Spagna, della Francia, del Regno Unito e della Germania”, dove ora ci si aspetta il fenomeno delle piogge fangose.

E poiché questa tempesta di cui si è parlato colpisce di nuovo l’Algeria, è probabile che le particelle al suo interno riportino del cesio-137 dall’area del test nucleare francese eseguito il 13 febbraio 1960.

Quella storica detonazione aveva come nome in codice “Gerboise Bleue” – e in molti stanno ora sottolineando la profonda ironia del test atomico che è stato eseguito “attentamente” ed intenzionalmente su una colonia lontana dalla Francia, solo perché si è temuto che i suoi effetti postumi radioattivi di durata a lungo termine potessero tornare ad infestare di nuovo la popolazione francese.

Si teme anche che la polvere radioattiva possa soffiare così tanto ad est fino ad arrivare alla Turchia, infatti le autorità sanitarie turche hanno già chiesto a diverse parti della popolazione di prepararsi a restare dentro casa nei giorni a venire.

Nota del revisore: che episodi del genere siano il preludio alla presenza di un nuovo “nemico invisibile”, in grado di porre ulteriori restrizioni nelle nostre già martoriate vite? Seguiranno aggiornamenti.

Traduzione a cura di Chiara Giagnolini.
Revisione a cura di Mer Curio.
Link all’articolo originale, pubblicato il 6 marzo 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *