L’errore medico è la terza causa di morte negli Stati Uniti (e non solo)


Scritto da Marcia Frellick il 3 maggio 2016, traduce Mer Curio.

L’errore medico è la terza causa di morte negli Stati Uniti, dopo le malattie cardiache e il cancro, secondo i risultati pubblicati sul British Medical Journal.

Come tale, gli errori medici dovrebbero essere una priorità assoluta per la ricerca e le risorse, dicono gli autori Martin Makary, MD, MPH, professore di chirurgia, e il suo collega ricercatore Michael Daniel, della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, Maryland.

Ma le informazioni accurate e trasparenti su tali errori non vengono trascritti nei certificati di morte, che sono i documenti che i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) usano per classificare le cause di morte e stabilire le priorità sanitarie. I certificati di morte dipendono dai codici della Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD) per la causa della morte, quindi cause come gli errori umani e di sistema non sono registrati su di essi.

E non si tratta solo degli Stati Uniti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, 117 paesi codificano le loro statistiche di mortalità usando il sistema ICD come indicatore primario dello stato di salute.

Gli autori chiedono una migliore segnalazione per aiutare a catturare la scala del problema e creare strategie per ridurlo.

Cancro e malattie cardiache ottengono l’attenzione

“Le prime cause di morte riportate dal CDC indirizzano il finanziamento della ricerca del nostro paese e le priorità della salute pubblica”, ha detto il dottor Makary in un comunicato stampa dell’università. “In questo momento, il cancro e le malattie cardiache ricevono un sacco di attenzione, ma poiché gli errori medici non appaiono nella lista, il problema non riceve i finanziamenti e l’attenzione che merita”.

Egli aggiunge: “I tassi d’incidenza delle morti direttamente attribuibili a cure mediche sbagliate non sono stati riconosciuti in nessun metodo standardizzato per la raccolta di statistiche nazionali. Il sistema di codifica medica è stato progettato per massimizzare la fatturazione dei servizi medici, non per raccogliere statistiche sanitarie nazionali, come è attualmente utilizzato”.

I ricercatori hanno esaminato quattro studi che hanno analizzato i dati del tasso di mortalità medica dal 2000 al 2008. Poi, utilizzando i tassi di ammissione dell’ospedale dal 2013, hanno estrapolato che, sulla base di 35.416.020 ricoveri, 251.454 morti derivavano da un errore medico.

Questo numero di morti si traduce nel 9,5% di tutte le morti ogni anno negli Stati Uniti – e mette l’errore medico sopra la precedente terza causa principale, le malattie respiratorie.

Nel 2013, 611.105 persone sono morte di malattie cardiache, 584.881 di cancro e 149.205 di malattie respiratorie croniche, secondo il CDC.

Le nuove stime sono notevolmente superiori a quelle del rapporto dell’Istituto di Medicina del 1999 “To Err Is Human”. Tuttavia, gli autori notano che i dati usati per quel rapporto “sono limitati e superati”.

Strategie per il cambiamento

Gli autori suggeriscono diversi cambiamenti, tra cui rendere gli errori più visibili in modo che i loro effetti possano essere compresi. Spesso, le discussioni sulla prevenzione avvengono in forum limitati e confidenziali, come le conferenze di dipartimento sulla morbilità e mortalità.

Un altro è modificare i certificati di morte per includere non solo la causa della morte, ma un campo extra che chiede se una complicazione prevenibile derivante dalla cura del paziente ha contribuito alla morte.

Gli autori suggeriscono anche che gli ospedali svolgano un’indagine indipendente rapida ed efficiente sui decessi per determinare se l’errore ha avuto un ruolo in esso. Un approccio di analisi delle cause alla radice aiuterebbe, pur offrendo la protezione dell’anonimato, dicono.

La raccolta di dati standardizzati e la segnalazione sono anche necessari per costruire un quadro nazionale accurato del problema.

Jim Rickert, MD, un ortopedico di Bedford, Indiana, e presidente della Society for Patient Centered Orthopedics, ha detto a Medscape Medical News di non essere sorpreso che gli errori siano arrivati al terzo posto e che anche questi calcoli non raccontano tutta la storia.

“Questi numeri non includono nemmeno gli uffici dei medici e i centri di assistenza ambulatoriale”, nota. “Questi riguardano solo gli errori durante il ricovero ospedaliero“.

Penso che la maggior parte della gente sottovaluti il rischio di errore quando cerca cure mediche“, ha detto.

Inoltre concorda sul fatto che aggiungere un campo ai certificati di morte per indicare l’errore medico è probabilmente il modo per ottenere l’attenzione che gli errori medici meritano.

“È la pressione pubblica che porta al cambiamento. Gli ospedali non hanno alcun incentivo a pubblicizzare gli errori, né i medici o qualsiasi altro fornitore”.
“Tuttavia, un passo così importante come l’aggiunta di informazioni sugli errori ai certificati di morte è improbabile se non accompagnato da una riforma sugli illeciti in ambito medico”, continua.

“Tuttavia, questo studio aiuta a sottolineare la prevalenza degli errori”, ha aggiunto.

L’errore umano è inevitabile, riconoscono gli autori, ma “possiamo misurare meglio il problema per progettare sistemi più sicuri che mitigano la sua frequenza, visibilità e conseguenze”.

Aggiungono che la maggior parte degli errori non sono causati da “cattivi” medici ma da fallimenti sistemici e non dovrebbero “essere affrontati con punizioni o azioni legali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *