La Fatale Attrazione al Tecno-Fascismo


   “Chi fa sul serio in questioni ridicole sarà ridicolo in questioni serie”.
    Catone il Vecchio

La bellezza duratura del fascismo è che richiede così poco da noi… così poco pensiero indipendente; solo la nostra convinzione di base e l’adesione ad un insieme limitato di direttive e narrazioni condivise dal popolo che una volta pienamente accettate, ci sollevano dalla necessità di affrontare questioni ostinate o di agitarci per sottili differenze di opinioni e sentimenti.

La propaganda ci rassicura che siamo completi, che sappiamo tutto quello che c’è da sapere, che siamo razionali, pragmatici e puri, che la scienza è stata stabilita e che siamo parte di qualcosa di speciale.

Una tale resa alle narrazioni riduzioniste è trasversale a tutte le classi e a tutte le fasce di reddito. Né i più istruiti né i meno istruiti conservano un vantaggio speciale di fronte a una potente propaganda.

PROPAGANDA è, naturalmente, la linfa vitale del controllo fascista. Mantenere il quadro economico, governativo e scientifico di un “sistema operativo” tecnocratico-fascista è impensabile senza propaganda e disinformazione. Quando la verità è vista come un ostacolo nei confronti del potere, deve essere sempre negata, e tutti i suoi casi devono essere effettivamente penalizzati.

La radio, la televisione e la loro costante abilitatrice, la “scienza” popolare – operano oggi come le stesse religioni, il loro successo dipende dalla devozione delle masse. Come ci ha detto McLuhan, l’esperienza dei media elettronici è sempre più potente della messaggistica specifica che contengono.

La moneta che usiamo per pagare lo spettacolo elettronico è la nostra attenzione, e in tempi iper-mediati come questi, le tariffe aumentano in modo esponenziale, fino a quando ci ritroviamo con l’anima schiacciata dal rifiuto e dalla disconnessione.

Tre momenti storici (tra i tanti) hanno definito la confluenza di fascismo, propaganda e tecnologia.

1.I principi fondamentali della propaganda sono stati definiti per la prima volta 100 anni fa da Edward Bernays, spesso definito il padre delle pubbliche relazioni.

2.Joseph Goebbels è stato ministro del Reich per la propaganda della Germania nazista dal 1933 al 1945. Le incredibili lezioni di successo dei suoi programmi di propaganda nazista non sono state dimenticate dai leader politici ed economici mondiali nel dopoguerra, e i successivi.
3.La Central Intelligence Agency (CIA) fu fondata nel 1947, con l’espresso scopo di condurre operazioni di intelligence segrete che potessero servire a scopi politici e allo stesso tempo generassero profitti enormi e non rintracciabili. La portata delle imprese illegali della CIA richiedeva la creazione e il mantenimento di un ministero permanente della disinformazione, gestito dal nostro “Governo Ombra” e “Deep State”, finanziato dai contribuenti.

Con il senno di poi, è chiaro che queste campagne di propaganda si sono dimostrate un successo tale che, ancora oggi, pochi di noi si rendono conto di quanto siano continue, vaste e diffuse.

L’efficacia della propaganda è talmente indiscutibile, che accade regolarmente che coloro che sono i più sicuri di NON essere tra i propagandati, ne sono di fatto le vittime più evidenti.

Il successore della politica sarà la propaganda. Propaganda, non le senso di un messaggio o ideologia, ma come l’impatto di tutta le tecnologia dei tempi.
-Marshall McLuhan-

I media aziendali si concentrano su quelle storie che sono pagati per propagare, cioè quelle che sostengono i programmi finanziari e ideologici dei loro proprietari, che a loro volta sono tutti, senza eccezioni, parti centrali della più grande oligarchia globale al potere.

Una parte fondamentale del manuale di propaganda è quella di lasciare semplicemente le storie inesplorate che NON si possono gestire e controllare; storie che, si potrebbe supporre, non generano un vantaggio sufficiente per i proprietari. Tali peccati di omissione calcolati sono essenziali per mantenere la massa dei credenti indisturbati dalle stravaganze della complessità nella consegna dei loro dogmi quotidiani.

Se un individuo dovesse insistere per saperne di più su una di queste storie meno discusse, si renderebbe presto conto che, mentre un’abbondanza di fatti rilevanti può essere facilmente trovata, e spesso nascosta in bella vista, la verità è che la maggior parte delle persone semplicemente non VOGLIONO conoscere, pensare o parlare di tali verità che differiscono da quelle accettate dai loro coetanei, per i quali la dissonanza cognitiva causa un dolore e un disorientamento così letterale, da mantenerli docili e conformi ai dettami dei media.
Come diceva McLuhan:

Solo i piccoli segreti devono essere protetti. 
Quelli grandi sono tenuti segreti dall'incredulità del pubblico".

Forse, l’illusione più grande di tutte, e che deve essere mantenuta a tutti i costi, è che sia il mondo e sia le storie che raccontiamo di esso, devono apparire come generate in modo casuale. Deve sempre sembrare che la copertura mediatica e i commenti degli esperti siano del tutto esenti da qualsiasi manipolazione preconcetta.

Nella terminologia dei media, le notizie devono essere sempre “Breaking! – anche se in realtà, sappiamo che le notizie assomigliano più da vicino a un programma di cucina, dove gli ingredienti vengono tagliati e affettati prima di essere mangiati, dopodiché vengono mescolati e serviti in diretta alle telecamere in modo da tenere il pubblico attaccato alle allettanti ricette allegramente e banalmente servite.

Il fascismo tecnocratico, la fusione avanzata della corporatocrazia multinazionale dominata dalla tecnologia con lo stato autoritario globale e di sorveglianza, permette ai suoi iniziati di credere di essere parte di qualcosa di più grande di loro stessi. Si veda la credenza della sinistra magica nella pura malvagità di Donald Trump, o la credenza altrettanto magica della destra nella fede di Trump come un eroe e martire nazionale.

Chiaramente entrambe le parti coinvolte nel costante furto della libertà umana hanno bisogno l’una dell’altra per gestire al meglio la loro avidità per il profitto dei consumatori e per il controllo dei civili. Tali aggressioni mentali richiedono in secondo luogo che tutte le motivazioni vere rimangano nascoste e offuscate in una nebbia di narrazione militarizzata.

Questo ovviamente spiega il valore costante delle stronzate, giusto? Le stronzate ingannano efficacemente senza sconvolgere l’ordine naturale delle cose, senza strappare irreversibilmente il tessuto della credibilità. Nulla può ostacolare il flusso costante di messaggi, profitti e crescita, che sono, dopo tutto, le giustificazioni primarie per tutto questo fallace disordine.

Questo è un altro aspetto di ciò che rende il fascismo tecnocratico così irresistibile; nel rendersi conto di quanto sia efficace nel conoscerci meglio di quanto ci conosciamo noi stessi. Il presupposto è che se ci conoscessimo meglio delle storie che ci vengono raccontate, non ci lasceremmo sedurre da bugie così evidenti. Dato che non lo facciamo, ai nostri “superiori” non resta altra scelta se non quella di mantenere la costante raffica di bugie, almeno fino a quando il nostro pensiero non si blocca e noi capitoliamo e crolliamo, come una catasta di ceppi di legna.

Se per esempio non sempre obbedissimo o non prestassimo attenzione alla propaganda, ci allarmeremmo presto per le tante contraddizioni che ci vengono raccontate, ad esempio tra il mostro Covid e le vaporose statistiche giornaliere sulle malattie, o tra mask e no-mask, tra vaxxer e anti-vaxxer, tra la distruzione economica schiacciante e il lamentoso bisogno di sicurezza, tra il folle di sinistra e il folle di destra, tra i bianchi e i neri, tra i maschi e le femmine… tra una stronzata ortogonale e un’altra ugualmente opposta.

TUTTE queste dicotomie, naturalmente, sono fondamentalmente FALSE… ognuna di esse, ognuna costruita da abili professionisti dei media, messe in atto per sopraffare il nostro pensiero critico e quello di milioni di persone dal vedere ciò che sta realmente accadendo sullo sconfinato sfondo.

In questo modo straordinariamente economico ed efficiente, l’energia e l’intelligenza umana vengono dirottate e dirette verso il compito di trasformarci in “topi da laboratorio” impotenti, confusi e facilmente controllabili, recisi l’un dall’altro con la forza, per evitare di sperimentarci come esseri intelligenti e sovrani. Se qualcosa del genere dovesse accadere, le agende trainanti del grande business e della governance globale per farci marciare verso un destino frammentario e privo di potere, si disintegrerebbero presto.

È in un tale stato di arrendevolezza debilitante che ci dividiamo in un sottoinsieme demografico “definito” contro un altro; tutti ammassati in una malvagia trappola mentale con una parte che pensa una cosa, mentre l’altra parte pensa qualcos’altro – tale che la metà di noi odia l’altra metà e viceversa.

A questo punto, e dopo tanti anni di vittorie incondizionate per i mercati sostenuti dall’industria della propaganda, la patetica verità è che la propaganda non ha nemmeno più bisogno di essere così divertente. Sapendo di avere la situazione in pugno, i fornitori di propaganda possono risparmiare un sacco di soldi essendo sensazionali, provocatori e ridondanti nelle loro narrazioni.

Ricordiamo questa citazione dell’eccezionale Frank Zappa:

L'illusione della libertà continuerà finché sarà redditizio continuare l'illusione. Nel momento in cui l'illusione diventa troppo costosa da mantenere, si limiteranno a togliere la scenografia, tireranno indietro le tende, sposteranno i tavoli e le sedie e si vedrà il muro di mattoni sul retro del teatro".

Una volta che abbiamo imparato ad accettare l’assenza della necessità di una verità controllabile, o senza il bisogno di distinguere le voci autentiche e oneste da quelle ingannevoli e manipolatrici, perdiamo gradualmente il nostro interesse per la cosiddetta “verità”, preferendo invece continuare a sguazzare in speculazioni infondate, giudizi pomposi e fuffa opinionistica.

Siamo onesti… le uniche persone che potrebbero realmente interessarsi a ciò che ognuno di noi pensa dei grandi temi del giorno (mascherine o vaccini o cambiamenti climatici o Black Lives Matter, ecc.) sono altre vittime della propaganda, che, come la maggior parte di noi, credono ancora che il governo si preoccupi di loro e che i media mainstream stiano dicendo loro la verità.

Questo è il motivo per cui un numero crescente di persone ha rinunciato alla rappresentazione crudelmente fittizia della realtà da parte dei media, e sta invece cercando di capire come prosperare e riconnettersi energicamente con gli altri – e con verità che possono esistere solo al di fuori della portata dello ‘spettacolo’ propagandistico”.

I media, naturalmente, con i loro sofisticati strumenti di tracciamento della sorveglianza sanno bene quando c’è un aumento delle reazioni negative alle loro narrazioni tossiche, ma poiché sono anche consapevoli di non spingere altro che stronzate in acqua zuccherata, non hanno altra scelta se non quella di raddoppiare e alzare ancora di più i livelli… sbattendoci così addosso ancora più stronzate.

Il bizzarro Joe Biden, Greta Verde avida, Covid, zia Jemima Race Wars e infiniti oltraggi… ci vengono tutti addosso così velocemente e così duramente da lasciarci piegati e spezzati sotto il peso di tutto questo, mentre inciampiamo come polli senza testa che cercano disperatamente di guadagnarsi l’approvazione dei nostri amici facendo finta che stiamo facendo almeno l’unica cosa “accettabile”.

Arrivando al suo frenetico punto di iper-polarizzazione pazzoide, è il punto finale essenziale di Propaganda… che ci rinchiude nella sua agenda, e allo stesso tempo ci chiede di pensare che stiamo facendo queste scelte di nostra SPONTANEA VOLONTÀ!

Per arrivare a questo punto, però, devono tenerci costantemente preoccupati; agitati, offesi, attaccandoci l’un l’altro e difendendoci da tutte le minacce, sia reali che immaginarie. Quanto più riescono intrappolarci in opinioni insensibili e oltraggiose, tanta meno energia e attenzione rimarranno per notare i programmi più profondi e manipolatori del tecno-fascismo.

Il fascismo della metà del XX secolo era tristemente limitato nelle sue capacità e in ciò che poteva tirar fuori dalle sue vittime… eppure ha funzionato! Il nuovo tecno-fascismo tecnocratico è qui per estrarre dalla popolazione, tutto il bio-capitale mercificato che può. Chi riuscirà a inventare i mezzi più efficienti e ingegnosi per convertire la confusione umana, la povertà, la criminalità e le malattie in mercati d’impatto, prenderà rapidamente il suo posto tra i titani della tecnologia delle generazioni precedenti.

Una volta che si fa un passo indietro, però, per sperimentare la pura e semplice scala di questa continua e illimitata guerra di propaganda su di noi, diventa un po’ più facile capire perché così pochi sono in grado di sfuggire all’influenza dei media. Oh, per un po’ di tempo, forse, si può superare… ma alla fine, si viene trascinati di nuovo giù nel fango. Anche se buttate la vostra TV, vi scollegate dai vostri feed e spegnete il Wi-Fi, ognuno di noi, a un certo punto, tornerà e ci ricadrà.

Questo perché la propaganda non riguarda solo le notizie o i media. E’ ancora più importante per gli strati ampiamente consensuali dell’allucinazione sociale che si creano e si condividono in tutta la società, che rendono difficile il funzionamento sociale di ognuno di noi, in assenza di quei punti di riferimento e segnali comunemente condivisi che riteniamo necessari per placare la nostra ansia, confusione e isolamento… che sono tutte raisons d’etres primarie per la propaganda in primo luogo.

Vorrei che ci fosse un modo semplice per rompere l’incantesimo voodoo della propaganda. Non c’è. Non sono nemmeno sicuro di come farlo per me stesso, o di come evitare di caderne di nuovo preda, proprio come io e la maggior parte di noi abbiamo fatto per la maggior parte della nostra vita.

Ciò che mi sembra ovvio ora è che la propaganda al servizio di una tecnologia incentrata sul transumanesimo è diventata così pervasiva e insidiosamente forte, che per molti versi il nostro pensiero ha cessato di essere interamente nostro, e che la porzione della nostra anima che rimane riconoscibile come univocamente nostra, si sta restringendo rapidamente.

L’effetto di tutto questo lascia i nostri spiriti infetti, e facilmente convertibili in fantocci compiacenti sotto il controllo totale di veri e propri diabolici burattinai, che per tenerci sottomessi alle loro menzogne, e per farci fare tutto ciò che ci viene detto, sono diventati maestri nel fingere di essere qualcosa che non sono.

Questo è perfettamente esemplificato nel personaggio di Bill Gates, che lavorando con i gestori di Bain and Co. e altri responsabili, (che in precedenza ha gestito la guerra in Iraq per Dick Cheney) hanno costruito queste elaborate narrazioni biofarmaceutiche, biocapitalistiche, sulla salute pubblica vaccinale e sul terrore, oltre a queste piramidi di investimenti che vengono poi date in pasto ai media e a Wall Street, che le riscaldano e le servono al pubblico, generando profitti criminali e realizzando profitti tali, che Mr. Gates è sempre ritratto come un filantropo altruista e protettore del pubblico… quando qualsiasi sciocco può vedere che non è niente del genere.

NON vedere quanto siano diventate ovvie e ridicole le campagne di propaganda in questa epoca a “taglia unica”, ci lascia dolorosamente vulnerabili e pronti a essere ulteriormente sommersi dalle stesse.

La complessità dei grandi piani di disinformazione di oggi non ha eguali rispetto al passato. Guardando indietro agli anni Cinquanta e Sessanta, quando tutti i suddetti piani a lungo termine per il controllo centralizzato e tecnocratico venivano lentamente messi alla prova, essere parte della crescente classe media americana era in realtà un affare piuttosto semplice. E’ in un ritorno a tempi più bucolici e “normali” come questi, che noi ci aggrappiamo alle nostre nostalgiche speranze, da parte dei media ma soprattutto dei politici.

La disperazione è la materia prima di un drastico cambiamento. Solo chi riesce a lasciarsi alle spalle tutto ciò in cui ha sempre creduto, può sperare di fuggire”.
–William S. Burroughs

Guardando il nostro mondo, possiamo vedere che la portata e l’autorità dei capitalisti transnazionali globali che gestiscono i casinò a dimensione nazionale sono state solidificate. Tutti i sistemi sono ora in funzione e sono operativi in diretta sulla vasta rete di quell’unione criminale. Ognuno di noi è stato ormai preso di mira da loro per una qualche forma di sorveglianza e di finanziarizzazione – così come è successo alla “natura”, alla “malattia”, alla “giustizia sociale”, e, prima o poi, a tutto il resto.

Le “griglie di controllo dell’I.A.” sono tutte attive e in espansione. Le agende tecnocratiche sono ora pienamente pronte per la prima serata. Siamo stati gradualmente “resi gregge” da tecniche di propaganda e di tortura psicologica, così come siamo stati anche fisicamente compromessi dalle tossine nell’aria e nell’acqua geo-ingegnerizzata, dalle disturbanti radiazioni elettromagnetiche, dalle tecnologie belliche che includono il rilascio di nano-particelle all’interno del nostro corpo (per inalazione o iniezione),poi governate dal 5G ad alta frequenza d’onda millimetrica, porteranno ad un assorbimento d’ossigeno e ad un’alterazione a distanza del nostro stesso DNA sotto il controllo “persistente” dell’I.A., che guiderà il processo di trasmutazione in merci, in beni saccheggiabili, in “bestiame” regolamentato digitalmente e geneticamente modificato.

Purtroppo, è qui che decenni di costante acquiescenza alla propaganda e all’ipnosi istituzionale ci hanno portato… piegati, con lo sguardo basso e a sostegno del “GRANDE”.

Ricordo che nella mia giovinezza, ero convinto che il genio malvagio di Hitler e del nazismo avesse in qualche modo trasformato la massa di dignitosi tedeschi in BESTIE, possedute dai demoni, come in una fiaba oscura… in qualcosa di sub-umano.

Sappiamo che una volta che iniziamo a considerare gli altri come MENO di noi… come qualcosa di ALTRO rispetto a noi, resta solo un breve passo per scatenare il nostro odio su di essi, fino a diventare violenti e criminali.

Inutile dire che questi stessi imperativi psicologici sono oggi evidenti ovunque; siamo istruiti dalla propaganda a considerare i cinesi, i russi, i musulmani, i Trumpisti suprematisti bianchi, i liberali depravati e illusi, i razzisti difettosi, i sessisti misogini e i vibranti mascherati(con il loro grande disprezzo per chiunque metta in discussione il dogma dell’in-mascheramento).

Come è sempre stato, si potrebbe dire, ma man mano che ci avviciniamo alla tanto decantata singolarità, con la sua conseguente convergenza tra uomo e macchina, come risponderanno i media di fronte a quella “soluzione” huxleyana? In questa luce, come potrebbe la propaganda spostare l’attenzione?

Mi aspetto che cambierà tono e ci dirà che QUESTA volta le cose saranno diverse. Questa volta non sarà come l’ultima volta. No, questa volta le cose saranno cambiate, in modo da non subire più il “lavaggio del cervello” dei media come prima. No, quando ci accadrà il grande cambiamento imminente, non sarà così. Ci trasformeremo piuttosto in esseri umani indipendenti e avanzati, arricchiti da soluzioni perfettamente combinate di tecnologia, scienza e ingegneria.

Il nostro DNA sarà accuratamente creato da brillanti medici e scienziati per migliorare solo le qualità “preferite” nei loro soggetti umani, e sotto la loro saggia direzione, faremo volentieri quello che ci verrà detto. Per un futuro così grande, offriremo volentieri il nostro sostegno e ci abitueremo così alla nostra nuova vita, per non diventare come quelle povere anime sfortunate, così perse nella loro irragionevolezza, da non poter apprezzare appieno la saggezza che deriva dall’abbracciare con entusiasmo il PROGRESSO.

Nei piani ispirati e collaudati dai nostri leader, avremo naturalmente ogni comodità a portata di mano, in modo tale che le porte si apriranno magicamente quando ci avvicineremo. Saremo in grado di scaricare ogni tipo di file multimediale e dato in un batter d’occhio. Saremo come dei superuomini.

Le nostre definizioni di ciò che è prezioso e ciò che non lo è, si sposteranno fluidamente per adattarsi a circostanze mutevoli. Ci vedremo come l’immagine stessa della modernità e dell’invidia del mondo… proprio come siamo sempre stati. Saremo americani come i nostri antenati multirazziali, anche se hanno vissuto in tempi non illuminati… molto prima che la grande trasformazione della giustizia sociale di oggi permettesse a noi, i loro orgogliosi discendenti, di svegliarci ogni giorno in questo nuovo mondo scintillante.

In un mondo così, quando ci chiediamo per cosa potremmo essere grati, non avremo più bisogno di lottare per una risposta. Sapremo esattamente ciò che è buono, vero e bello e ci impegneremo in questi nobili ideali ogni giorno.

Anche in questo, più spietatamente, risiede il fascino fatale del tecno-fascismo.

Mer Curio traduce Mark Petrakis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *