La caduta delle civiltà- I Vichinghi di Groenlandia – La terra del sole di mezzanotte


Eccoci tornati con un nuovo episodio, questa volta parleremo di vichinghi, coloro che per primi si avventurarono oltre i confini del mondo europeo allora conosciuto, buona visione!

SULLE SAGHE ISLANDESI:

Le Saghe islandesi costituiscono una delle opere letterarie più notevoli al mondo.
Sono i testi a cui gli islandesi sono maggiormente legati ed è impossibile trovare un abitante dell’ isola che non abbia letto almeno le più importanti.
Ad eccezione di qualche importante e significativo caso, gli autori di tali composizioni sono anonimi, ed il periodo in cui vennero scritte è intorno al tredicesimo secolo. Nella loro isola sperduta gli autori islandesi furono i primi europei a scrivere in prosa, utilizzando la propria lingua invece che il latino.
Nessuno sa perchè vennero scritte, se si trattasse di storie vere o completamente inventate, né si sa niente in merito ai loro autori.
Sotto la classificazione di ” Saga ” ( il cui significato in islandese è semplicemente ” storia ” ) sono state raccolte innumerevoli cronache, storie d’ amore, leggende e vite di re e di uomini semplici.

Höfuðlausn o il “Riscatto della testa” è un poema scaldico attribuito a Egill Skalla-Grímsson in lode al re Eirik Bloodaxe.

È citato nella Saga di Egils (capitolo 61), che sostiene di averlo creato nell'arco di una notte. Gli eventi della saga che portano alla composizione e alla recitazione del poema possono essere riassunti nel modo seguente. Egil cadde nelle mani del re Eirik dopo essere naufragato in Northumbria. Di fronte alla decisione di fuggire con disonore e di rischiare di essere smascherato come un codardo o di affrontare direttamente il suo avversario e chiedere la riconciliazione, Egil sceglie quest'ultima. I due uomini sono nemici durante la saga, il che rende la decisione di Egil particolarmente audace. All'inizio della saga Egil arriva a costruire un palo di Nithing, segno di mancanza di rispetto nella società scandinava medievale. Per questo e per altri motivi re Eirik dice a Egil di non aspettarsi alcun risultato se non la morte per il suo arrivo alla sua corte. Questa sarebbe la fine per Egil, tuttavia, uno dei suoi alleati, che è fedele a Eirik, intercede per Egil. Arinbjǫrn hersir dice al re che sarebbe disonorevole uccidere il suo nemico in tali circostanze. Inoltre afferma che Egil, anch'egli noto poeta, "può fare la ricompensa con parole di lode che vivranno in eterno". Questa argomentazione, insieme al fatto di essere considerato sprezzante uccidere durante la notte, convince Eirik a rimandare il suo giudizio al giorno successivo. Durante la notte Egil compone e memorizza l'intero poetico drápa conosciuto come il Riscatto del capo. La recita alla presenza del re Eiríkr e riceve la sua libertà, ma non una sorta di riconciliazione. I due rimangono nemici ed Egil continua il suo viaggio originale per visitare il re Ælstan d'Inghilterra.


SU ERIK IL ROSSO

erik il rosso

SULLE NAVI VICHINGHE

Navi vichinghe

I popoli norreni utilizzavano principalmente due tipi di navi: navi da guerra e imbarcazioni per il trasporto di merci. Le prime erano lunghe, leggere e veloci, mentre le seconde venivano realizzate concentrando l’attenzione sulla resistenza e la capacità di carico.

Le imbarcazioni utilizzate per le spedizioni di guerra non erano vere e proprie navi da guerra nel senso moderno del termine, ma navi per il trasporto di truppe. Non disponendo di armi pesanti o rostri in grado di danneggiare le navi avversarie, spesso diventavano vere e proprie piattaforme galleggianti che consentivano alla fanteria norrena di attaccare corpo a corpo il nemico.

Le navi vichinghe impiegate in guerra erano caratterizzate da uno scafo lungo, sottile e leggero, dotato di un pescaggio spesso inferiore al metro che consentiva non solo di superare un fondale basso e insidioso, ma anche di approdare su qualunque spiaggia semplicemente trascinando l’imbarcazione sulla riva. Il rapporto tra lunghezza e larghezza era generalmente di 7 a 1.

Una delle caratteristiche di molte navi vichinghe (ad eccezione di quelle impiegate per il trasporto merci o per i lunghi viaggi per mare) era la struttura simmetrica: poppa e prua erano pressoché identiche e consentivano di manovrare l’imbarcazione in modo agile e veloce, effettuando veloci cambi di rotta senza dover compiere manovre circolari.

Questa caratteristica risultava molto utile durante la navigazione tra gli iceberg e il ghiaccio marino, situazione in cui sono richieste manovre veloci e repentini cambi di direzione.

10 affascinanti manufatti d’avorio avvolti nel mistero

Nel 1892, gli archeologi portarono alla luce un’enigmatica statuetta d’avorio durante gli scavi di Brassempouy nella Francia sud-occidentale. Datata intorno al 23.000 aC, la “Venere di Brassempouy” contiene la prima rappresentazione dettagliata di un volto umano. Ha occhi, sopracciglia, fronte e naso. Tuttavia, le manca una bocca. La sua faccia contiene una fessura verticale, ma probabilmente è un difetto nell’avorio. Non è sicuro se i suoi capelli sono in trecce o coperti con un copricapo. Solo la testa e il collo di Venere sono stati trovati in Grotte du Pape (“La grotta del Papa”).ù

Category:Gardar ruins - Wikimedia Commons
Rovine della cattedrale di Gardar

THORFINN KARLSEFNI

Thorfinn Karlsefni, (nato nel 980, islandese, morto dopo il 1007), leader scandinavo di origine islandese in una prima spedizione di colonizzazione in Nord America. I suoi viaggi sono stati raccontati nella Saga di Erik e nel Racconto dei Groenlandesi.

Thorfinn deve aver ricevuto il suo soprannome, Karlsefni, in tenera età, perché significa “ragazzo promettente”. Circa 900 suo nonno aveva portato molti norvegesi a colonizzare l’Islanda, e nel 986 i loro discendenti si sentirono talmente sotto pressione per l’allevamento del bestiame che seguirono l’esempio di Erik il Rosso e migrarono in Groenlandia. Thorfinn, che era un commerciante di successo e capitano di mare, raggiunse quello che fu conosciuto come l’insediamento orientale della Groenlandia con un gruppo di coloni nel 1003. Lì sposò Gudrid, che era la vedova di uno dei figli di Erik il Rosso, Thorstein.

SULLA TRIBÙ DEI CREE
Dove viveva la tribù dei Cree?
La tribù dei Cree era originariamente un popolo della regione subartica del Canada, le cui terre un tempo si estendevano dal fiume Ottawa al Saskatchewan. Molti dei nativi indiani Cree canadesi emigrarono a sud verso le Grandi Pianure e i boschi del nord-est. Gli indiani nativi che abitavano le regioni delle praterie sono conosciuti come i Cree delle Pianure e quelli che vivono nelle foreste sono conosciuti come i Woodland Crees.

Map showing Native American Indians Cultural Groups

La tribù dei Cree nella regione del Subartico
La tribù si chiamava Kenistenoag, ma questo nome fu corrotto dai francesi in Kristineaux, e successivamente abbreviato in “Cree”. I Cree canadesi erano cacciatori, pescatori e raduni. I Crees vivevano in case costruite con la corteccia di betulla, così come le loro canoe.

Il Cree delle pianure
I Plains Cree hanno adottato uno stile di vita nomade, cacciando le grandi mandrie di bufali e vivendo in tepee di pelli di bufalo. I Plains Cree si allearono con gli Assiniboine e le tribù indiane dei Saulteaux in quella che fu conosciuta come la “Confederazione di ferro”.

I Woodland Cree hanno mantenuto il loro stile di vita di caccia e pesca nelle regioni forestali del nord-est che vivono a Wigwams (o wetus), note anche come case di betulla.

L’ANSE AUX MEADOWS

L'Anse aux Meadows: Discovery of Norse settlement in ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *