La caduta delle civiltà — I Maya — Rovine nella giungla


Nelle foreste tropicali dell’America centrale, vaste piramidi di pietra si sbriciolano lentamente sotto gli alberi.

In questo episodio, guardiamo a quel grande mistero romantico: la caduta della Civiltà Maya Classica. Scopriamo come questa grande civiltà sia cresciuta in condizioni ambientali che nessun’altra civiltà ha mai affrontato, capendo i fatali difetti che si nascondono sotto la sua superficie, e cosa sia successo dopo il suo definitivo, cataclismico crollo.

APPROFONDIMENTI

Sul frate spagnolo Andrès de Avendaño y Loyola e Tikal

Rovine di Tikal

Su Tayasal

Tayasal è un Maya sito archeologico situato nell’attuale Guatemala . E ‘stata una grande città Maya con una lunga storia di occupazione. Tayasal è una corruzione di Tah Itzá ( “Luogo del Itza”), termine originariamente usato per riferirsi al nucleo del territorio Itza in Petén. Il nome Tayasal è stato applicato per errore al sito archeologico, e in origine applicato alla capitale Itza . Tuttavia, il nome si riferisce ora alla penisola sostenendo sia il sito archeologico e il villaggio di San Miguel. Il sito è stato occupato dal Medio Preclassico periodo (c. 1000–350 aC) fino alla tarda Postclassico (c. 1200–1539 dC). Il sito è un monumento nazionale protetto.

SU JOHN LLOYD STEPHENS E FREDERICK CATHERWOOD

Sfidando le giungle dello Yucatan, del Guatemala e dell’Honduras 170 anni fa, John Lloyd Stephens e l’artista Frederick Catherwood divennero i primi viaggiatori di lingua inglese ad esplorare questa regione originariamente conosciuta solo dai Maya.
Nativo del New Jersey, Stephens divenne famoso per i suoi famosi classici del viaggio, Incidents of Travel in Central America, Chiapas e Yucatan (1841) e Incidents of Travel in Yucatan (1843). Stephens era un avvocato di professione, ma soffriva di una leggera malattia che gli dava la scusa perfetta per un anno sabbatico di due anni in Europa e in Egitto. Il suo primo incontro con le piramidi egiziane lo spinse a scrivere dei suoi viaggi e nel 1837 pubblicò un libro che gli valse un soprannome: il viaggiatore americano. Ormai era diventato dipendente dall’archeologia e il desiderio di continuare le sue esplorazioni lo portò a Londra.

STEPHENS INCONTRA CATHERWOOD

A Londra Stephens ha incontrato l’inglese Frederick Catherwood, famoso per i suoi disegni di scavi archeologici in Egitto e a Gerusalemme. Il talento di Catherwood, come illustrato nei libri di Stephens, era nella sua capacità di ritrarre monumenti antichi con grande precisione. Quando Stephens fu nominato ambasciatore speciale in America Centrale nel 1839 per negoziare i trattati, contattò immediatamente Catherwood e chiese aiuto per il progetto. Partirono per l’America Centrale. Questo viaggio generò il primo lavoro di Stephens sui Maya, Incidents of Travel in Central America, Chiapas e Yucatan. A causa della sua popolarità, il primo anno furono stampate dodici edizioni, creando un nuovo fenomeno: un autore bestseller. Questo status ha liberato Stephens dalla sua carriera di avvocato e gli ha permesso di seguire la sua beatitudine -esplorazione.
Il primo libro di Stephens contiene i racconti di quarantaquattro città in rovina dove sono stati ritrovati resti di antiquari, e nella prefazione Stephens spiega il suo viaggio in America Centrale come il più esteso fatto da uno straniero nella penisola dello Yucatan.
Stephens scrive che, per quanto strano possa sembrare, la maggior parte di questi siti erano sconosciuti agli abitanti di Merida, la capitale dello Yucatan. Pochi erano stati visitati da stranieri. Desolate e ricoperte di alberi, le antiche strutture apparivano come tumuli ricoperti d’erba. [..CONTINUA — LINK ALL’ARTICOLO IN INGLESE]

SU DIEGO DE LANDA

Diego de Landa avvertiva analogie tra Cristianesimo e religione maya per quel che concerne la sacralità dei riti che prevedevano sacrifici umani e offerte di sangue, qualcosa che ricordava il carattere sacrificale della figura del Cristo il quale offerse la propria vita per l’umanità.
A causa delle reticenze dei Maya ad accettare la nuova fede cattolica e ad abbandonare i propri riti, a giugno del 1562 Landa fece arrestare i governatori di Pencuyut, Tekit, Tikunché, Hunacté, Maní, Tekax, Oxkutzcab e di altre zone limitrofe, tra gli arrestati c’erano Francisco Montejo Xiu, Diego Uz, Francisco Pacab e Juan Pech che vennero torturati. Il 12 luglio 1562 si realizzò l’autodafé di Maní, nel corso del quale furono ridotti in cenere idoli di diverse forme e dimensioni, furono distrutte le grandi pietre utilizzate come altari, piccole pietre lavorate, terrecotte e codici con geroglifici. Landa affermò: Troviamo tutti i libri scritti nella loro lingua e dato che in essi non v’è cosa che non sia corrotta da superstizione e falsità diabolica, bruciamoli indistintamente! Si calcola che tonnellate di libri andarono distrutti, scritti che illustravano la civiltà maya in tutti i suoi aspetti.

I maya cercarono di preservare in ogni modo i loro culti ancestrali mentre i coloni spagnoli protestavano perché in luogo della dottrina cattolica gli indios non ricevevano altro che miserabili tormenti. Tali notizie giunsero alle orecchie di Filippo II e di conseguenza ad aprile 1563 Landa dovette tornare in Spagna dove fu convocato per difendersi dalle accuse.

Nella maturità De Landa si dedicò allo studio di quella cultura che tanto aveva fatto per annientare. Forse per redimersi dal suo passato, cercò di raccogliere quante più informazioni poté su quella cultura che, da inquisitore, aveva cercato di far scomparire ad ogni costo. Mise insieme una gran quantità di dati sulla storia, lo stile di vita e le credenze religiose del popolo maya. Cercò anche di venire a capo del sistema vigesimale, che essi utilizzavano in matematica, del loro calendario e — con scarso successo — della scrittura maya. De Landa partì dal presupposto errato che la lingua maya fosse scritta con un alfabeto fonetico (come la lingua spagnola e latina a lui note), mentre in realtà era basata su sillabe e logogrammi. Ricavò dunque una tavola comparativa tra lettere dell’alfabeto latino e caratteri maya del tutto inaffidabile.In seguito tuttavia tale alfabeto, una volta interpretato in modo corretto (come, essenzialmente, un sillabario) dal linguista russo Jurij Valentyinovics Knorozov, si sarebbe dimostrato strumentale alla decifrazione della civiltà Maya.

Tenochtitlàn, Messico

SUL GIOCO DELLA PALLA MAYA

Non sono note le regole del gioco nell’antichità, quindi quelle usate nel racconto sono un mix di quel poco che si è riuscito a intuire e quelle dell’Ulama.
La palla era di gomma e poteva arrivare a pesare anche quattro chili. Nella versione più diffusa i giocatori potevano colpirla solo con le anche, nella nostra versione è valida qualsiasi parte del corpo tranne mani e piedi.
Le regole erano simili a quelle della pallavolo: la palla andava ribattuta dalle due squadre da una parte all’altra del campo fino a che una delle due falliva lasciandola cadere o buttandola fuori. Veniva giocato all’interno di lunghi campi delimitati da muri, ai quali nel periodo postclassico i Maya aggiunsero degli anelli di pietra disposti in verticale, facendo diventare il gioco un incrocio tra pallavolo e pallacanestro. Il più grande campo da gioco rinvenuto, a Chichen Itzá, è lungo 166 metri e largo 68.

I CENOTES DELLO YUCATAN

RICETTA CIOCCOLATA CALDA MAYA — — — — — 
Ingredienti —

  1. latte intero
  2. cioccolato fondente
  3. vaniglia
  4. cannella, pepe nero

■ Preparazione

Far bollire 2 tazze di latte intero Aggiungere 60 gr. di cioccolato fondente grattugiato e mescolare bene Aggiungere un pizzico di vaniglia, cannella e facoltativo il pepe di cayenna.
Scaldare il tutto per circa 1 minuto . Servire in tazza e gustarla calda.

Quetzal

SU CALAKMUL:

Calakmul

“Due monticelli insieme”, è il significato del nome Calakmul. Siamo in una delle città più importanti della civiltà maya, tanto per estensione che per popolazione, giacchéarrivò ad avere più di 50,000 abitanti. La cronologia della città rimonta al periodo Pré-Classico (300 a.C.-250 a.C.), mentre il suo momento di splendore. è stato nel periodo Classico, quando il regno di Kaan si alleò con altri stati in una confederazione chiamata “Cuchcabal”. Abbiamo annotazioni che nel periodo post-Classico, si realizzavano alcune attività rituale.

Calakmul è conosciuta grazie al biologo Cyrus Longworth Lundell, chi, lavorando per una impresa di gomma da masticare arrivò al sito nel 1931. É stato solamente mezzo secolo dopo, dal 1982, quando si realizzarono scavi in grande scala sotto la coordinazione di William Folan, del Centro di Investigazioni Storiche e Sociali della Università Autonoma di Campeche.

SULLA SICCITÀ CHE PORTÒ AL CROLLO:

La fine del periodo classico della civiltà Maya, avvenuta tra l’800 e il 1000 d.C., viene spesso utilizzata per mostrare come l’andamento del clima possa contribuire al crollo di intere società. In una ricerca, pubblicata su Science, un team di ricercatori di Cambridge e della University of Florida ha fatto luce su intensità e durata di questa intensa siccità che ha contribuito ad una crisi sociopolitica in grado di destabilizzare l’intera civiltà dei Maya.
[Link allo studio pubblicato sulla rivista Science, in lingua inglese]

SULL’ANTROPOLOGA BETTY J.MEGGERS

L’antropologa Betty J. Meggers ha pubblicato il suo primo lavoro scientifico, intitolato “The Beal-Steere Collection of Pottery from Marajó Island, Brazil”, nel 1945. Sarebbe stato il primo di più di 300 libri, articoli di giornale, monografie e traduzioni di cui Meggers sarebbe stata autrice. Il punto focale della sua carriera, che si estendeva per più di sei decenni, era la storia e la gente del bacino del Rio delle Amazzoni.

Mentre lavorava al suo dottorato di ricerca alla Columbia University, Meggers ha incontrato Clifford Evans, che stava anche lui seguendo un dottorato di ricerca in antropologia, e che aveva svolto un lavoro sul campo negli Stati Uniti sud-occidentali e in Perù. Clifford Evans ha ricevuto il suo dottorato di ricerca nel 1950 e subito dopo ha ricevuto un incarico come Istruttore di Antropologia all’Università della Virginia. Betty Meggers ha ricevuto il dottorato di ricerca nel 1952, quando le donne erano candidate per appena il 10% dei dottorati rilasciati negli Stati Uniti.

Evans e Meggers si sposarono nel 1946 e diventarono due degli archeologi più influenti del ventesimo secolo. La maggior parte del loro lavoro collettivo si è concentrato sulla popolazione e la cultura del bacino del Rio delle Amazzoni, tra cui Brasile, Ecuador, Venezuela e Guyana. Insieme, sono diventati i primi archeologi a concentrare le loro ricerche su come l’ambiente afoso della foresta pluviale ha influenzato la vita quotidiana degli antichi amazzonici. Attraverso l’esame del suolo, che si è rivelato sottile e privo di nutrienti, Meggers e Evans hanno concluso che l’intenso clima della foresta pluviale non avrebbe potuto alimentare i livelli di produzione agricola necessari per sostenere gli insediamenti permanenti, e hanno proposto che i residenti delle aree di altopiano creassero solo abitazioni temporanee e stagionali sul suolo della foresta pluviale. Nel 1957, Meggers e Evans pubblicarono Archeological Investigations at the Mouth of the Amazon. Sebbene questa ricerca sia stata accolta con notevole scetticismo, Meggers ha continuato a rivedere le prove e i dati relativi per più di 50 anni.

L’esame della ceramica, un’arte umana, può rivelare una ricchezza di informazioni sui popoli che hanno occupato un sito archeologico. All’inizio degli anni Sessanta, Meggers ha esaminato le ceramiche stratificate rinvenute in Valdivia, in Ecuador. Utilizzando un sistema di analisi della ceramica sviluppato da lei e da Evans, che comprende la datazione al radiocarbonio, la termoluminescenza e lo scavo stratificato, gli esemplari valdiviani risalgono al 2700 a.C. circa. Sorprendentemente, ha trovato molte somiglianze con le ceramiche scavate a Kyushu, in Giappone, attribuite all’antico periodo Jōmon. Meggers e Evans conclusero che ci poteva essere stato un contatto tra le due culture, nonostante fossero separate da più di 9.000 miglia di Oceano Pacifico. Tuttavia, il periodo Jōmon è un periodo piuttosto ampio, 14.000–300 a.C. Questo ampio intervallo di tempo, e la mancanza di prove che suggeriscano solide tecniche di navigazione, ha portato ancora una volta allo scetticismo in tutta la professione archeologica.

SU COPAN:

E’ l’8 marzo dell’anno 1576. 
Don Diego Garcia de Palacio invia una lettera a Filippo II, re di Spagna, per informarlo della scoperta di meravigliose rovine in una località dell’attuale Honduras che le popolazioni indigene chiamavano Copán.

La segnalazione di Palacio fu però ignorata fino al 1839, quando un diplomatico statunitense J.L. Stephens e il suo accompagnatore F. Cathervwood iniziarono l’esplorazione del sito. Pochi anni dopo, Sthephens, pubblica “Incidents of travel in Yucatan”, in cui descrive le rovine di Copán.

Da allora ebbe inizio un’indagine sistematica della città Maya alla quale parteciparono alcuni dei massimi esperti di civiltà precolombiane.
A differenza delle principali città come Tikal o Palenque, Copán è famosa, più che per l’imponenza delle architetture, per la mole artistica ritrovata.

Impressionante il numero delle sculture e delle stele ritrovate.4509 strutture, 3450 delle quali si trovano in un’area di soli ventiquattro chilometri quadrati attorno al gruppo principale, che ricopre una superficie di quaranta ettari, costituito da una spianata artificiale per la quale è stato impiegato un milione di metri cubi di terra.


Traduzione a cura di Mer Curio


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *