Gli dei celtici della penisola iberica: parte 5 – Endovelico


  1. Endovelico – Endovelicus

Endovelico è un Dio ctonico, proveniente dagli inferi, o almeno dai mondi sotterranei. Egli possiede vari attributi come la profezia, la guarigione, la terra ma anche la vegetazione e l’aldilà. Il suo culto è saldamente legato alla collina oggi conosciuta come São Miguel da Mota nel comune di Alandroal. Infatti, era venerata dai popoli della provincia romana di Lusitania, forse anche più che in epoca preromana. È un Dio dai molti volti che, nella mitologia, avrebbe visitato gli inferi per ottenere il potere della guarigione.

In seguito fu accettato dagli stessi Romani, che lo paragonarono ad Asclepio o a Serapide e lo resero un Dio relativamente popolare.

  • Etimologia

Negli ultimi due secoli, diverse etimologie sono state attribuite a Endovelico. In primo luogo, il teonimio appare in diverse forme: Endovelico, Enobolico, Indovellico, Endovollico, Enovolico. Ciò può essere dovuto a differenze nel dialetto e/o a diversi aspetti del Dio, di cui parleremo più avanti. Sebbene le iscrizioni siano tutte nello stesso luogo, persone provenienti da tutta Lusitania sono confluite, in pellegrinaggio, al suo tempio e hanno consacrato le loro iscrizioni alla divinità, il che spiega le differenze dialettali.

Sono state trovate anche molte iscrizioni, dedicate a un Dio chiamato Vaelico o Velico. Sono stati tutti trovati a Candeleda, in Spagna, nel territorio di Vetton. È probabile che questo Dio fosse lo stesso di Endovelico.

Vettoni, artista sconosciuto.

José Leite de Vasconcelos, prolifico etnografo, archeologo e scrittore portoghese che ha scritto molto sulla filologia e la preistoria portoghese, un vero pioniere di questo tipo di studi, è stato il primo ad analizzare l’etimologia del teonimo. Sostiene che Endovelico deriverebbe da una parola protoceltica ricostruita in *Andevellicos. La radice *ande indicherebbe un prefisso di intensità, e *vellicos verrebbe da *vello, che in gallese e nel bretone moderno si è evoluto in gwell, che significa “buono” o “migliore”. Così, *ande seguito da *vellicos significherebbe “il Molto Buono”. Più tardi, un altro esperto, Cardim Ribeiro, ha esteso questo significato a “colui che è benevolo”. Queste deduzioni cominciano a illuminarci sulla natura di questa divinità.

Secondo Antonio Tovar, storico, linguista e filologo spagnolo, Endovelico potrebbe invece essere una deformazione di Endobelico, un aggettivo formatosi su Endo-Beles (Indibilis), che significherebbe “l’oscuro”, “il molto oscuro” o “il molto oscuro” rendendolo una divinità degli inferi.

Tornando al nome Vaelico, deriverebbe dal celtico *uailo-, dal proto-indoeuropeo *wĺ̥kʷos, entrambi significano “lupo”, “pericoloso”. Se accettiamo che Vaelico ed Endovelico siano finalmente uno solo, questa etimologia si applicherebbe anche all’Endovelico.

Mappa delle città dei Vettoni nella penisola Iberica

Una teoria più recente è stata proposta, sarebbe una parola presa in prestito dal proto-basco, dalla radice *bels. In questo caso, il nome originale sarebbe stato *Endo-belles, “il più nero”, corrispondente quindi alle caratteristiche ctonie.

Per concludere, possiamo dedurre che secondo la proposizione etimologica che viene fatta, Endovelico può essere o una divinità benevola associata all’aiuto e alla benevolenza verso il suo popolo, o una divinità oscura e ctonica che veglia sul regno dei morti, come il greco Ade o il romano Plutone.

Si dà il caso che, sulla base delle epigrafi, dei suoi epiteti, dell’interpretazione romana a lui applicata e del contesto geografico dei suoi culti, potrebbe essere entrambe le cose.

Il contesto geografico dei culti Endovelico

  • Il tempio romano di Terena

Il tempio romano di Endovelico si trovava sulla cima di una collina vicino a Terena, in Portogallo. Più tardi, vi fu costruita una chiesa di San Michele, che forse nel frattempo era stata riadattata dagli Alain. In seguito, i musulmani trasformarono il tempio in una moschea e, con la Reconquista, il tempio divenne di nuovo un edificio cristiano. Questa chiesa è ora in rovina, così come il vecchio tempio di Endovelico.

Il tempio era, molto probabilmente, un grande edificio con colonne e statue, come tutti gli altri santuari romani. Il marmo, materiale che indica la grandezza e il valore che i romani diedero a questa divinità, così come alcune delle epigrafi del tempio furono utilizzate per costruire altre infrastrutture dopo la fine del culto di Endovelico, ovvero la suddetta chiesa, intorno al V secolo d.C..

Intorno al tempio ci sono resti di una fortificazione, ed è possibile che questo luogo fosse già utilizzato come luogo religioso prima dell’intervento romano.

Gli archi dell’università di Evora, sostenuti da colonne provenienti probabilmente dal tempio di Endovelico

Nel 1559, il tempio era ancora relativamente ben conservato quando il cardinale Henrique ordinò la rimozione di 96 colonne di marmo dal sito per la costruzione del Colégio do Espírito Santo a Évora. L’antico tempio romano era sicuramente uno spettacolo da vedere, e certamente uno dei più importanti dell’intera penisola iberica.

Dell’edificio sono rimaste solo le fondamenta. Tuttavia, gli scavi archeologici hanno portato alla luce ceramiche e anfore, nonché altari votivi dedicati a Endovelico, e hanno portato alla scoperta di diversi elementi architettonici, tra cui i “pozzi” realizzati nella roccia. Le vasche suggeriscono l’esistenza di riti, sacrifici di animali e, possibilmente, celebrazioni di carattere rituale.

L’aspetto importante da ricordare qui è la cima della collina dove si trovava il tempio, perché è un’indicazione delle funzioni di Endovelico.

  • Rocha da Mina, un possibile tempio preromano di Endovelico

Non lontano dal colle di Terena, dove un tempo sorgeva il tempio romano di Endovelico, si trova un antico luogo di culto preromano. È conosciuta come Rocha da Mina, dove un tempo si trovavano molte querce (che ora stanno scomparendo a causa della diffusione dell’eucalipto). È circondata da un fiume chiamato Lucefecit.

L’antico tempio si trova ugualmente in cima a una collina, raggiungibile con una scala. In cima c’è un altare e un pozzo, entrambi utilizzati per scopi rituali. I pozzi erano comuni nei santuari dell’età del ferro, che erano generalmente associati al culto delle divinità ctonie.

Il tempio di Rocha Da Mina visto dal basso

Alcune iscrizioni in Endovelico dicono che l’Incubatio faceva parte del culto di questo Dio. È un’antica pratica di divinazione che consiste nel dormire nel tempio di un Dio o di una Dea, o nelle vicinanze, per ricevere la visita della divinità nei suoi sogni. E questo per cercare consigli, ispirazione, ecc… Vasconcelos ha ipotizzato che ci fosse una cavità o una tana vicino al tempio romano di Endovelico dove si praticava l’incubatio. La sua affermazione deriva principalmente dal fatto che una qualche forma di cavità sarebbe un mezzo per stabilire un contatto con gli inferi, su cui probabilmente regna questo Dio.

Il sito di culto preromano è stato scoperto solo negli anni ’90, molti anni dopo la morte di Vasconcelos. Pertanto, il pozzo di Rocha da Mina potrebbe essere quello che è stato utilizzato per praticare l’incubazione, come previsto da Vasconcelos.

Una scena di incubazione in un asclepione, che equivaleva a far addormentare il paziente in modo che Asclepio venisse da lui in sogno per diagnosticare la sua malattia ed eventualmente indicare il rimedio appropriato, i sacerdoti medici avrebbero poi interpretato questi sogni per tradurli in una prescrizione. L’Asclepione era un tempio dedicato ad Asclepio in cui i medici erano formati ma dove i pazienti erano anche accolti.
bassorilievo, Grecia V secolo a.C., in mostra al Museo Archeologico del Pireo ad Atene.

Vicino a Rocha da Mina e intorno all’area del fiume Lucefecit, si trova anche una necropoli megalitica, che sottolinea ulteriormente la natura ctonica di questo sito.

Herminius Mons: Avrete notato lo strano nome del fiume che circonda questi antichi templi. Molto probabilmente ha una radice nel nome Lucifero, spesso associato al Diavolo, ma anche un nome per Venere (Nota dell'autore: in origine, per i romani, Lucifero personificava la "stella del mattino" (Venere). Prima del sole, annunciava l'arrivo della luce dell'alba). Tuttavia, a causa della natura ctonica dei siti che circondano questo fiume, è probabile che abbia ricevuto questo nome in epoca cristiana.
Afonso X, re di Leon e di Castiglia, scrisse il Cantigas de Santa Maria, uno dei più importanti documenti dell'antica lingua portoghese (chiamato anche galiziano-portoghese). Non sono stati scritti in castigliano perché il galiziano-portoghese era la lingua ufficiale della poesia e della musica in Iberia nel Medioevo.
In ogni caso, questi canti erano dedicati a Maria di Terena. Nel canto 213, c'è una conversazione con il diavolo e uno dei versi dice "Dun rio que per y corre, de que seu nome non digo", che può essere tradotto approssimativamente come "Da un fiume che lo attraversa, il suo nome non lo dirò". Questo è il fiume Lucefecit di Terena, perché è da Lucifero il cui nome è stato comunemente evitato, il che può confermare l'origine del nome Lucefecit.
  • Il tempio di Vaelico

La divinità Vaelico aveva un luogo di culto a Candeleda, in Spagna. Questa zona apparteneva ai Vettoni, una tribù indigena vicina ai Lusitani.

Anche se non è rimasto molto, sappiamo che in questa zona c’erano molti lupi (ricordiamo l’etimologia del nome Vaelico) e che alcune epigrafi furono utilizzate come materiale da costruzione per una chiesa di San Bernardo. Per quanto riguarda Rocha da Mina, c’è una necropoli vicino a quello che un tempo era il tempio di Vaelico.

Forse era un luogo di culto più semplice, forse più primitivo, come quello di Rocha da Mina, il tempio principale è quello di Terena.

Castrum di El Raso, Candelada, Àvila, Spagna
È stato occupato dai Vettoni

Endovelico/Vaelico: un Dio multifunzionale

  • Il Signore degli Inferi

Come ulteriore elemento che rafforza la natura ctonia di Endevelico, che abbiamo precedentemente abbozzato studiando il suo culto preromano, c’è un’iscrizione ad esso dedicata. Dice:

Endovellico - sacrum L(ucius) - T(- - -) M(- - -) / et - T(- - - -) - M(- - - -) - ex imperato averno - a(nimo) l(ibentes) f(ecerunt)

Concentriamoci sulla formula “ex imperato averno”, che si distingue dal resto. Può essere tradotto come “per ordine degli inferi” o “per ordine infernale”. È anche un accattivante indizio che fa luce sul ruolo di Endovelicus.

Il fatto che i templi dedicati a Endovelicus si trovino in cima alle colline può anche significare che le montagne erano profondamente radicate nella Terra, stabilendo un collegamento di fatto con gli inferi. Hanno così permesso a Endovelico di agire sul mondo di mezzo, la terra degli uomini viventi, attraverso di loro.

Come ulteriore interessante scoperta, ci vengono fornite incisioni e statue, alcune raffiguranti cinghiali e maiali, nel tempio di Terena. Infatti, questi animali sono tradizionalmente, nelle religioni pagane, associati agli inferi e alla morte. Le altre incisioni, che rappresentano foglie di palma o corone, sono simboli dell’immortalità, quest’ultima può servire anche a simboleggiare il suo status di sovrano degli inferi.

Infine, Cicerone scrisse:

Una tomba non è stata formalmente completata come tale fino a quando non sono stati eseguiti i riti e non è stato ucciso un maiale".

Infatti, i monumenti funebri greci raffiguravano spesso anche cinghiali, così come quelli dei romani, che a volte mostravano un cinghiale che divorava la vittima. Allo stesso modo, i Celti seppellivano i loro morti con ossa di maiale o con lo scheletro intero di un maiale. Un carro armato sepolto nello Champagne era accompagnato da un intero scheletro di cinghiale. Questo non solo perché gli europei concepivano queste bestie come esseri psicopompi, ma anche perché rappresentavano la forza vitale dell’antenato, che permetteva ai morti di reincarnarsi.

Statua di cinghiale in bronzo di un santuario celtico di Neuvy-en-Sullias, I Sec. a.C.

Alcuni considerano un’altra dea celtica, Ataegina, come la Signora degli Inferi e quindi imparentata con Persefone e Proserpina. Sarebbe logico che Endevelico fosse la sua compagna, come Signore degli Inferi. Ataegina è anche associata al cambio di stagione, proprio come i suoi omologhi greco-romani. Così passa metà dell’anno negli inferi, autunno e inverno, e l’altra metà, primavera ed estate, nel mondo dei vivi.

Endovelico potrebbe quindi anche essere associato al ciclo naturale delle stagioni. Durante Thesmophoria, una festa greca che si svolge nel tardo autunno, i maiali morti vengono gettati in grotte sotterranee per marcire ed essere mangiati dai serpenti. Questo rito ha lo scopo di piangere la discesa di Persefone all’inferno e di celebrare il suo ritorno in primavera. I resti sono stati poi portati negli altari e mescolati con i semi per ottenere raccolti migliori. Qui tutte le associazioni si sovrappongono, sia che riguardino la dualità tra gli inferi e le cime delle montagne, sia che riguardino la vegetazione, che simboleggia il ciclo vegetale che il seme inizia sottoterra prima di crescere verso il cielo, e la benevolenza e la cura che Endovelicus porta al suo popolo.

Torniamo alla teoria che pone come origine del teonimio Vaelico, la parola celtica per “lupo”, un lupo che non sembra essere associato al tempio di Terena. Tuttavia, è stato probabilmente associato a Candeledo, infatti il nome del luogo dove si trova il tempio di Vaelico è Postoloboso. “Lobo” significa “lupo” in spagnolo e portoghese, ed è un suffisso comunemente usato per trasformare le parole in aggettivi. Infine, Loboso ci dice che ci sono molti lupi in questa regione.

Seguendo questa logica, potrebbe essere che i cinghiali siano comuni a Terena, spiegando la loro associazione con Endovelico, così come i lupi sono stati associati a Vaelico, la versione vettiana di questa divinità.

Funzioni

  • Una divinità guaritrice e oracolare

Nonostante la natura ctonica di Endevelico, era associata alla salute. Questo può sembrare contraddittorio a prima vista, soprattutto dal nostro punto di vista moderno, dove la morte è vista come qualcosa che non dovrebbe esistere, una sorta di anomalia. Eppure nel mondo antico non era raro che le divinità guaritrici fossero associate agli inferi. Qui alcune iscrizioni descrivono le sue qualità di guaritore. I fedeli, infatti, hanno inciso i loro nomi, specificando che hanno rispettato i loro voti, e questo per ottenere il recupero di un loro parente.

Sappiamo anche che nell’antica Grecia il culto di Asclepio, il Dio della medicina e della guarigione, prevedeva rituali, sacrifici e la pratica dell’incubazione. Tuttavia, abbiamo visto che questa pratica è stata praticata nel culto di Endovelico. Inoltre, c’è anche un’epigrafe in Endovelico che sembra rappresentare un cane, un animale che, insieme al serpente, era un simbolo sacro di Asclepio. In un mito, il Dio greco si mescola anche con gli inferi, cercando di resuscitare i morti. Egli conduce così Zeus a dividerlo con un fulmine, punendo così uno proibito.

Tempio d’Asclepio, Robert Thom

Un altro aspetto che è giunto fino a noi anche attraverso le iscrizioni è l’aspetto oracolare. Ci ricorda anche Apollo, padre di Asclepio, che era anche associato alla guarigione. Le consacrazioni, firmate dai loro autori, attestano la buona volontà di questi ultimi che avrebbero eretto altari o monumenti in Endovelico, in risposta alla risposta oracolare che aveva offerto loro.

Per concludere questi confronti, utilizziamo la coppia di statue che si trovano anche nel tempio romano di Endovelico. Rappresentano figure cariche di offerte o oggetti sacri. Una di queste statue sembra portare o una figura canina, forse legata ai cani sacri di cui sopra, o un uccello. Mentre l’altro porta sia il corvo che il cigno. E’ difficile per noi discernere l’esatto tipo di uccello rappresentato a causa degli estesi danni che ovviamente hanno subito.

Un busto di Endovelico mostra anche un uomo barbuto rappresentato in modo molto simile alla statua di Asclepio a Epidauro.

Statua d’Asclepio del tempio di Epidauro
  • Saint-Michel

In primo luogo, come precedentemente notato, una chiesa dedicata a San Michele è stata costruita nel punto esatto dove si trovava il tempio romano di Endovelico. Molti dei materiali utilizzati per la sua costruzione sono stati recuperati dall’edificio pagano.

In secondo luogo, la collina dove si trovavano le due costruzioni si chiama ancora oggi São Miguel da Mota (San Michele di Mota, in portoghese). Il culto di Endovelico continuò così fino al V secolo d.C., e fu infine sostituito dal culto di questo santo cristiano.

Questa logica risiede nel fatto che in definitiva San Michele è un patrono dei malati, un santo guaritore, per non parlare delle sue rappresentazioni generali in cui calpesta Satana, un drago o una sorta di entità demoniaca, che potrebbe essere un’allegoria di Endovelico. Questo non solo per la sua natura ctonica, ma anche perché gli dei pagani sono, in generale, considerati in modo infantile dai cristiani come idoli diabolici.

  • l’interpretazione romanica di Fauno e Silvano

Cardim Ribeiro ha condotto uno studio in cui ha analizzato le somiglianze tra Endovelico e le divinità romane Fauno e Silvano, in particolare confrontando le loro rappresentazioni e simboli.

Prima di tutto, questi Dei romani sono entrambi associati alle foreste, all’agricoltura, alla natura, all’allevamento, alla fertilità e hanno anche funzioni di tutela.

Silvano era solitamente raffigurato come un uomo barbuto con una corona di pini. Abbiamo visto prima che Endovelico era rappresentato anche come un uomo barbuto. Una delle sue epigrafi comprende anche un’incisione in pino. Anche le offerte fatte a queste divinità erano simili: maiali, uva e uccelli.

Statua di Silvano, museo delle terme di Diocleziano, Roma

Poi, gli epiteti e le forme di iscrizione erano le stesse anche per Endovelico e Silvano. Deus, sanctus e praestantissimus e praesentissimus (sempre in atto e sempre presenti) erano epiteti condivisi da queste divinità. Le formule pro saluto, ex visu, ex iussu ed ex imperato/imperio compaiono anche sulle iscrizioni dedicate ad entrambi.

Oltre alle funzioni simili tra Fauno e Silvano, ci sono altri aspetti che collegano Fauno alla divinità iberica Endovelico.

Il primo è l’aspetto oracolare del Fauno. Il culto di questa divinità ruota anche intorno ai sogni, sogni che permettono di acquisire la sua guida. I luoghi di culto del Fauno potrebbero essere in natura, proprio come il tempio preromano di Endovelico. La voce della divinità romana emanava anche dalle grotte, dalle rocce e dal sottosuolo, proprio come quella di Endovelico.

Il Fauno danzante del giardino di Lussemburgo

L’etimologia del Fauno è, dopo tutto, molto simile a quella dell’Endovelico. Una proposta dice che deriva dal latino faveo, che significa “il favorevole” o “il benevolo”. È quindi simile alla già citata etimologia di Endovelico, proposta da Ribeiro.

Un’altra teoria dice che il teonimio romano deriva dalla radice proto-indoeuropea *dhau-, che significa “uccidere”. Da questa radice deriva il dauno illirico, che significa “lupo”. Pertanto, il nome Faunus avrebbe potuto originariamente avere lo stesso significato, creando un ulteriore possibile legame tra Vaelico e Faunus.

Note finali

Endovelico sembra essere stata una divinità di primaria importanza, non solo per gli antichi popoli che abitavano l’ovest della penisola iberica, ma anche per la popolazione romana venuta qui dopo la conquista della penisola iberica. Agendo su molti aspetti del nostro mondo, egli è un Dio potente ed è stato ampiamente venerato.

Presiede gli inferi, senza dubbio al fianco della sua compagna Ataegina. Forse c’era un mito simile a quello dello stupro di Proserpina, ormai perduto nel tempo. Endovelico rappresenta anche la vostra conoscenza accumulata delle vite passate, i ricordi dei vostri antenati, che dovete recuperare per poter rinascere e diventare voi stessi.

Il sollevamente di Proserpina, Gian Lorenzo Bernini, scolpito tra il 1621 e il 1622

Ma oltre al suo lato ctonio, era anche un Dio legato alla buona salute. Endovelico poteva anche vegliare sulle foreste, sui raccolti e sul cambio di stagione. È probabile che il tempio romano avesse una classe di sacerdoti che vegliavano sul santuario e sui relativi riti, magari accompagnati da un oracolo.

Maiali, cinghiali e uccelli sembrano essere gli animali ad esso associati. Uva, pini, foglie di palma e corone sono anche alcuni dei suoi altri simboli.

Troverete la presentazione delle altre divinità celtiberiane nelle prossime parti.

Fonti :

https://dc.uwm.edu/ekeltoi/

Juan Carlos Olivares Pedreño, Università di Alicante

Alberto J. Lorrio, Università di Alicante Gonzalo Ruiz Zapatero, Universidad Complutense de Madrid

https://goldentrail.wordpress.com/

Prosper, B. M.: Lingue e religioni preromane della penisola iberica occidentale

Alarcão, Jorge de..: La religione di Lusitanos e Kalaicos

ARTICOLO ORIGINALE: https://telegra.ph/Les-Dieux-Celtiques-de-la-p%C3%A9ninsule-Ib%C3%A9rique–partie-5—Endovelicus—Belenus-07-30

Traduzione a cura di Mer Curio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *